Home » Manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I

Manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I

Mai sognato di camminare sulla Luna. Forse, un giorno sarà possibile ma, per ora, manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I.

Categorie Missioni spaziali · Veicoli spaziali

Il momento in cui l’umanità tornerà, con il prossimo uomo e la prima donna, sulla Luna è sempre più vicino. Questo ritorno epocale avverrà nell’ambito del progetto Artemis, ormai in sviluppo da anni, con l’obiettivo di portare una presenza umana permanente sulla Luna. Il progetto si suddivide in più missioni, infatti, prima di riportare i prossimi astronauti sulla Luna, sono necessarie delle missioni di prova di difficoltà via via crescente. La prima di queste, Artemis I, sarà il primo test di volo senza equipaggio del razzo Space Launch System (SLS) e della navicella spaziale Orion. Lo stupore e l’emozione governeranno questo lancio pieno di speranze per il futuro, una missione a cui tutti possono partecipare, anche tu. Come? Facile, fai un biglietto e manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I!

Mai sognato di camminare sulla Luna. Forse, un giorno sarà possibile ma, per ora, manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I.
Credit: ESA

Come mando il mio nome sulla Luna con la missione Artemis?

Come ha già fatto più volte, la NASA dà la possibilità di spedire il proprio nome sulla Luna a bordo della Artemis I. Il processo di registrazione è semplice. Accedi a questo link e compila i campi necessari con nome, cognome e un codice pin. Il sito genererà immediatamente il tuo biglietto per la Luna e il tuo nome sarà salvato su un flash drive a bordo del modulo che raggiungerà la Luna. Sul biglietto troverai tutte le informazioni relative al volo e, inoltre, un QR code da scannerizzare che ti rimanderà alla pagina Virtual Guest Program della NASA. Un nuovo progetto della NASA per far avvicinare sempre più persone al mondo dell’aerospazio.

Mai sognato di camminare sulla Luna. Forse, un giorno sarà possibile ma, per ora, manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I.
Credit: NASA

Manda il tuo nome sulla Luna con Artemis I e partecipa ad altre missioni

Dopo aver scaricato il tuo biglietto con cui mandare il tuo nome sulla Luna a bordo di Artemis I, puoi stampare il tuo passaporto per il Virtual Guest Program. Questo è un progetto avviato dalla NASA negli ultimi anni per permettere a chiunque di avvicinarsi al mondo dell’aerospazio godendo di diversi lanci e altri eventi, tutto gratuito. Il sito dà la possibilità di creare il proprio passaporto da riempire, nel tempo, con gli stemmi delle varie missioni a cui ‘parteciperai’. Registrandoti, avrai diritto a diversi vantaggi, in qualità di ospite virtuale. Avrai accesso a informazioni sulla missione e sarei avvertito di eventuali modifiche al programma, tutto direttamente nella tua casella postale. In ogni caso, non esiste un biglietto fisico per partecipare agli eventi di persona o online, ma è un modo per invogliare le persone a seguire i lanci e per rimanere aggiornati sui lanci.

Mai sognato di camminare sulla Luna. Forse, un giorno sarà possibile ma, per ora, manda il tuo nome sulla Luna con la missione Artemis I.
Credit: ESA

La missione Artemis I

Per mandare il tuo nome sulla Luna, la missione Artemis I è la scelta giusta ma cosa farà esattamente questa missione e quali sono i suoi obiettivi?

L’Artemis I è la prima di una serie di missioni volte a riportarci sulla Luna, questa volta per restarci. Questo primo lancio sarà senza equipaggio, totalmente controllato da terra, e servirà per testare tutti i nuovi sistemi. La Orion e lo European Service Module (i due moduli della missione), partiranno dal Kennedy Space Center ed entreranno in orbita bassa terrestre per poi trasferirsi su un’orbita translunare. Il veicolo, poi, sorvolerà la Luna e ne sfrutterà la gravità per spingersi 70.000 km oltre, a quasi mezzo milione di km dalla Terra. Infine, prima di rientrare, eseguirà un’ultima orbita attorno alla Luna. La durata della missione non è ancora certa e potrà durare dai 20 ai 40 giorni. Questa incertezza è dovuta al fatto che il modulo Orion deve rientrare con uno splashdown nell’Oceano Pacifico durante il giorno. Mentre, lo European Service Module si separerà e brucerà nell’atmosfera poco prima l’impatto di Orion.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento