sabato, 16 Gennaio, 2021

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Top SpaceCuE 2020: i principali successi in ambito aerospaziale

Il 2020 è stato duro per tutti, ma spazio ed aerospazio hanno regalato delle grosse soddisfazioni agli appassionati: ripercorriamole!

Il 2020 è stato un anno importantissimo per il settore dell’esplorazione dello spazio e dell’aerospazio. Nonostante sia universalmente riconosciuto come uno degli anni peggiori dell’era moderna, tra l’epidemia di Covid, la crisi economica, i tumulti sociali e l’inizio della crisi ambientale, il 2020 ha saputo regalare non poche soddisfazioni agli appassionati. Che sia l’inizio di una nuova golden-age? Ripercorriamo in questo articolo le tappe principali in ordine puramente temporale.

Un inizio 2020 solare: Esa lancia Solar Orbiter e l’aerospazio europeo esulta

Mentre il mondo scopriva il Covid e le foreste australiane bruciavano, l’ESA, in collaborazione con la NASA, ultimava i preparativi per una delle missioni più importanti dell’anno: il lancio del Solar Orbiter. Partita dal Kennedy Space Centre il 10 Febbraio, la missione Solar Orbiter si candida a diventare la chiave per la scoperta di numerose novità sul nostro Sole non appena raggiungerà le sue orbite operative.

2020 spazio aerospazio
Un rendering del Solar Orbiter

L’anno d’oro di Elon Musk: Crew Dragon nello spazio!

I primi mesi della pandemia hanno rallentato le principali agenzie spaziali generando ritardi importanti sulla tabella di marcia di molte missioni. I lavori sono però proseguiti, seppur a regime ridotto, e a fine maggio è arrivato uno dei lanci più osannati degli ultimi tempi. La Crew Dragon di Spacex ha svolto il suo lancio inaugurale con equipaggio verso la ISS. La missione, denominata Demo-2, ha segnato una pietra miliare nella storia dell’esplorazione spaziale aprendo la strada ai privati anche nel trasporto di equipaggio.

2020 spazio aerospazio
La Crew Dragon, montata su un Falcon 9 poche ore prima della partenza

Un luglio 2020 Marziano

Nella rovente estate delle riaperture dopo il primo lockdown, la corsa allo spazio è proseguita. Complice l’apertura di una finestra di lancio verso Marte, ben 3 missioni sono state lanciate con destinazione Pianeta Rosso. Ad aprire le danze ci ha pensato la missione Hope degli Emirati Arabi Uniti, seguita dalla Tianwen-1 dell’Agenzia Spaziale Cinese.

2020 spazio aerospazio
La sonda Tianwen

L’ultima in ordine temporale è stata la NASA che ha lanciato la missione Mars 2020 con il rover Perseverance e l’elicottero Ingenuity. Questa missione ha segnato anche la prima tappa del programma di recupero di campioni di suolo marziano che si completerà con le missioni dei prossimi anni.

Perseverance ed Ingenuity in un’illustrazione della NASA

Un autunno 2020 di scoperte in giro per lo spazio

Il comune denominatore dell’autunno 2020 parlando di spazio è senza dubbio quello degli annunci scientifici. La parte dei protagonisti l’hanno giocata Venere e la Luna con due notizie che hanno scosso il nostro punto di vista su due dei nostri vicini più prossimi.

Per quanto riguarda Venere, lo scorso Settembre un team di scienziati ha pubblicato su Nature i risultati di alcune osservazioni dell’atmosfera del gemello della Terra che sancirebbero la presenza di Fosfina, una sostanza la cui principale fonte potrebbero essere dei processi biologici che avvengono a livello atmosferico. A onor del vero nelle ultime settimane, alcune nuove analisi hanno determinato che la percentuale di fosfina è inferiore a quella inizialmente rilevata. I prossimi anni saranno di sicuro preziosi per approfondire questo mistero.

L’altra grande scoperta di questo autunno, quella riguardante la Luna, è ad opera del telescopio volante SOFIA. La NASA ha infatti annunciato di aver rilevato acqua in zone del nostro satellite dove non era mai stata vista prima. Questa scoperta apre la strada a scenari incredibili riguardanti le future missioni di esplorazione e colonizzazione della nostra Luna.

Osiris rex recupera campioni da un asteroide

Il 20 Ottobre 2020, la sonda Osiris-Rex ha compiuto una delle imprese più importanti della storia dell’esplorazione dello spazio. Allungando il suo braccio robotico sull’asteroide 101955 Bennu ha raccolto dei campioni di regolite da portare sulla Terra per essere studiate. Un bottino importantissimo che ci permetterà di comprendere meglio la genesi e la conformazione dei principali asteroidi. Chissà che questa impresa compiuta nel 2020 non porti ad una nuova era dell’esplorazione di spazio ed aerospazio!

Osiris Rex

Un finale di 2020 coi fiocchi? Spazio alla Cina

Chang’e 5, il rover cinese partito lo scorso 23 Novembre alla volta della Luna, ha già concluso la sua missione. Lo scorso 16 Dicembre è infatti ritornata sulla Terra con il suo carico di regolite lunare. Erano 44 anni che non veniva svolta una missione di campionamento del suolo lunare e per la prima volta questa è avvenuta tramite un robot. Anche per gli sviluppi relativi agli studi sui campioni raccolti ci vorranno dei mesi.

In conclusione, nonostante tutto, è impossibile negare che il 2020 è stato in grado di portare anche qualche soddisfazione specialmente agli appassionati di spazio ed aerospazio. Cosa ci riserverà il futuro?

Gianluca Pellecchiahttps://aerospacecue.it
Diplomato al Liceo Classico e laureando in ingegneria aerospaziale. Appassionato di spazio e pallacanestro, oltre che incuriosito da qualunque cosa o persona lo circondi.