Nasa non ha abbastanza tute spaziali per le donne
Credits: tech.everyeye.it

Ad oggi, circa 500 persone sono state nello spazio. Di queste, circa il 10% sono donne. Con questi presupposti, immaginate la felicità della NASA quando ha potuto dichiarare la prima passeggiata spaziale “al femminile”, prevista il 29 Marzo 2019. Per motivi abbastanza banali, purtroppo, la NASA è stata costretta a posticipare la realizzazione di questa pietra miliare.

Cos’è successo?

Come per tutti i libri, vi forniamo il prologo. Le due astronaute NASA della Stazione Spaziale Internazionale, Anne C. McClain e Christina H. Koch, sarebbero dovute uscire per effettuare la prima passeggiata spaziale tutta al femminile, il tutto per installare nella stazione orbitante delle nuove batterie agli ioni di litio. “Qual è stato il problema?”, vi chiederete. Ebbene, la NASA ha dichiarato di aver annullato questa nuova conquista spaziale per carenza di tute della giusta taglia.

carenza tute spaziali nasa
Credits: vanityfair.it

Delle nostre due donne spaziali, la McClain ha già effettuato una passeggiata spaziale, ovviamente insieme a un collega, e inizialmente aveva pensato di poter utilizzare una  taglia “Large” per la parte superiore della tuta. Una volta provata la taglia “Medium“, tuttavia, si è resa conto che i suoi movimenti risultavano molto più efficienti ed efficaci. Problema: la Koch necessita della stessa taglia, ed è stato proprio questo bisogno a interrompere quella che sarebbe stata la prima passeggiata totalmente femminile nello spazio.

Sulla stazione spaziale, per essere precisi, sono presenti due tute spaziali di questa taglia ma solo una di queste è abilitata, effettivamente, alle passeggiate spaziali; abilitare la seconda tuta richiederebbe numerose ore di lavoro e, ovviamente, ciò ha reso impossibile il lieto evento previsto per venerdì 29 Marzo. Il programma, ovviamente, non cambierà: entrambe le donne effettueranno la “passeggiata”, con l’unica variante che essa sarà effettuata con un collega della ISS.

Ha dichiarato la portavoce della NASA, Stephanie Schierholz:

Quando c’è solo la possibilità di far ruotare il personale, perseguire gli obiettivi della missione diventa più importante del conseguimento di una pietra miliare, per quanto storica

Speriamo di comunicarvi quanto prima il conseguimento di questa pietra miliare.

Fonti: tomshw.it