Home » Jet AWACS in Romania: la NATO prepara lo stormo

Jet AWACS in Romania: la NATO prepara lo stormo

Col fine di potenziare la presenza NATO sul fronte orientale, l'Alleanza disloca uno stormo di aerei di sorveglianza vicino Bucarest, in Romania: lo schieramento consentirà di individuare con anticipo eventuali minacce alla sicurezza dei Paesi alleati

Categorie Aviazione · Militare
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La NATO sceglie di schierare uno stormo di aerei di sorveglianza jet AWACS in Romania nelle vicinanze della città di Bucarest. L’arrivo degli aerei Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro la giornata del 17 gennaio 2023. Le unità avranno il compito di rafforzare la presenza dell’Alleanza nella regione e soprattutto monitorare le mosse della Russia. Dall’inizio della guerra la NATO ha aumentato sempre di più il numero di aerei militari in Europa.

L’Airborne Warning and Control System, in particolare, è un sistema inizialmente progettato per gli aerei Boeing ma col tempo il termine si è esteso andando a indicare anche altre piattaforme radar. I velivoli così equipaggiati sono in grado di rivelare le mosse di eventuali minacce poste a lunga distanza: grazie a queste informazioni è possibile attuare con successo missioni d’attacco o di difesa.

L’arrivo dei Jet AWACS in Romania

Oana Lungescu, portavoce della NATO, spiega che la guerra iniziata dalla Russia continua a minacciare la sicurezza in Europa. Il conflitto mette in pericolo i territori alleati vicini ecco perché la presenza della NATO è assolutamente necessaria.

“I nostri AWACS sono in grado di rilevare velivoli a centinaia di chilometri di distanza, il che li rende una capacità chiave per la deterrenza e la difesa della NATO. Ringrazio la Romania che avendo accolto le unità dà un importante contributo al nostro early warning“.

Come conseguenza della guerra tra Russia e Ucraina, la NATO ha potenziato la sua presenza aerea in Europa orientale. Molti aerei da sorveglianza, caccia e altri velivoli sono pronti ad agire in caso di necessità. Dal febbraio 2022, gli AWACS della NATO hanno effettuato regolari pattugliamenti volando sull’Europa orientale e sulla regione del Mar Baltico incalzando gli aerei da guerra russi troppo vicini ai confini della NATO.

Il ruolo del gruppo Jet AWACS in Romania

Gli aerei AWACS dell’Alleanza saranno presto schierati a Otopeni, vicino Bucarest. Il ruolo principale che assumeranno è quello di condurre missioni di sorveglianza aerea fino alla fine del mese. I Jet AWACS in Romania effettueranno voli di ricognizione esclusivamente sul territorio dell’Alleanza nei prossimi giorni; la missione durerà diverse settimane.

Gli aerei fanno parte di uno stormo di 14 velivoli di sorveglianza della NATO, solitamente con base a Geilenkirchen, in Germania. Circa 180 militari si stabiliranno all’interno della base dell’aeronautica rumena di Otopeni per supportare le operazioni.

La NATO sceglie di schierare uno stormo di aerei di sorveglianza jet AWACS in Romania nelle vicinanze della città di Bucarest. L’arrivo degli aerei Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro la giornata del 17 gennaio 2023. Le unità avranno il compito di rafforzare la presenza dell’Alleanza nella regione e soprattutto monitorare le mosse della Russia. Dall'inizio della guerra la NATO ha aumentato sempre di più il numero di aerei militari in Europa.
L’arrivo dei jet Airborne Warning and Control System (AWACS) è previsto entro la giornata del 17 gennaio 2023 (photo: NATO Airborne Early Warning and Control Force)

Non perdere gli altri articoli SpaceCuE!

Parte con successo la quinta missione di Falcon Heavy. Decolla il quinto razzo Falcon Heavy (e il primo del 2023) di SpaceX, il secondo razzo operativo più potente del mondo, con a bordo la missione USSF-67 (United States Space Force 67), una missione top secret, verso un’orbita geosincrona della Terra dal Launch Complex 39A (LC-39A) del Kennedy Space Center, in Florida. Dopo la separazione del central core, i due booster laterali del Falcon Heavy sono atterrati nelle Landing Zones 1 e 2 (LZ-1 e LZ-2) della Space Force Station di Cape Canaveral in Florida.

Il meteorite Tissint, caduto in Marocco nel luglio 2011, contiene composti organici che potrebbero rivelare se su Marte sia esistita la vita. Il meteorite prende il nome dalla città di Tissint, nel deserto del Marocco, dove è stato trovato. Si tratta di uno dei cinque meteoriti marziani che, durante la caduta sulla Terra, è stato possibile osservare in diretta. Questo ha permesso di condurre un’analisi approfondita del meteorite prima che l’ambiente terrestre ne alterasse la composizione. Questo meteorite permetterà di conoscere informazioni sulla storia geologica del pianeta Marte. La roccia del meteorite si è formata centinaia di milioni di anni fa, e probabilmente un evento esplosivo l’ha scagliata nello spazio, portandola a cadere sulla Terra.

Lascia un commento