giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Sarà il lanciatore VEGA a portare in orbita il satellite italiano PRISMA

Gli accordi per il lancio del PRISMA nel 2018 sono stati formalizzati ieri a Parigi, nel salone internazionale di Le Bourget, da Stéphane Israël, presidente e direttore generale di Arianespace, e dai rappresentanti di OHB Italia, Roberto Aceti, e Leonardo, Marco Stanghini, rispettivamente amministratore delegato e vice presidente senior della Airborne and Space Systems Division. Tutto in presenza del presidente e del direttore generale dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston e Anna Sirica.

Caratteristiche tecniche e scopo fondamentale del PRISMA

Il satellite PRISMA (PRecursore IperSpettrale della Missione Applicativa) è un sistema di Osservazione della Terra. Possiede uno strumento di elettro-ottica (Hyperspectral Imager) capace di acquisire immagini nella banda da 400 a 2500 nm e una fotocamera pancromatica a risoluzione media.

 

Il lanciatore VEGA porterà in orbita il satellite italiano PRISMA
Rappresentazione del PRISMA System CDR. Fonte: La voce d’Italia

PRISMA è stato costruito da OHB Italia e sarà posizionato in un’orbita eliosincrona a un’altitudine di 615 km. Questo satellite permetterà il monitoraggio delle risorse naturali e lo studio dei principali processi ambientali come l’interazione tra atmosfera, biosfera e idrosfera; gli effetti delle attività antropiche sugli ecosistemi e la rilevazione dei cambiamenti del clima a livello globale, nonché dei principali rischi naturali.

Il lanciatore VEGA

Roberto Battiston ha esaltato l’importanza di questo accordo in quanto:

(…) il nostro Paese si è impegnato, in varie sedi istituzionali nazionali ed europee, a supportare una politica a favore dell’utilizzo dei lanciatori europei ed in particolare del VEGA, lanciatore nato in Italia e in seguito fatto proprio dall’Agenzia Spaziale Europea in cui, dal punto di vista industriale, i ruoli chiave sono assunti da società italiane

Il VEGA (Vettore Europeo di Generazione Avanzata), che prende il nome dall’omonima stella della costellazione Lyra, è un lanciatore in uso dalla Arianespace, sviluppato in collaborazione dall’ASI e l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per il lancio in orbita di piccoli satelliti (300 – 2500 kg). Il razzo è un vettore a corpo unico, senza booster laterali, con tre stadi a propellente solido P80, Zefiro 23, Zefiro 9 e uno stadio per le manovre orbitali a propellente liquido, l’AVUM.

Lanciatore VEGA porterà in orbita il satellite italiano PRISMA
Schema descrittivo del lanciatore VEGA. Fonte:ESA

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Heidi Garciahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureata in Ingegneria Informatica all’Università di Firenze. Studentessa magistrale di Ingegneria Robotica e dell'Automazione all'Università di Pisa. Caporedattrice della sezione Tech CuE del network Close-up Engineering e presidente dell'AS Pisa di EUROAVIA (European Association of Aerospace Students). Grande passione per l’aerospazio, l'astronomia e l'elettronica.