sabato, 16 Gennaio, 2021

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Vaccino anti Covid: anche il mondo dell’aviazione si unisce alla lotta

Ormai in tutto il mondo è cominciata la corsa frenetica al vaccino. Tutte le nazioni stanno organizzando la logistica che dovrà gestire la distribuzione del vaccino. Anche l'agenzia Europea EASA ha contribuito alla causa. Sono state pubblicate recentemente le linee guida per consentire il trasporto del vaccino anti-Covid-19 sui velivoli dei vari operatori. La battaglia al virus, ora, può essere combattuta anche per via aerea.

Ormai in tutto il mondo è cominciata la corsa frenetica al vaccino. Tutte le nazioni stanno organizzando la logistica che dovrà gestire la distribuzione del vaccino. Anche l’agenzia Europea EASA ha contribuito alla causa. Sono state pubblicate recentemente le linee guida per consentire il trasporto del vaccino anti-Covid-19 sui velivoli dei vari operatori. La battaglia al virus, ora, può essere combattuta anche per via aerea.

Il vaccino anti-Covid: l’inizio della distribuzione

Le recenti immagine dell’arrivo di questi primi “scatolotti” di vaccini sono ancora stampate nelle nostre menti. Le foto del furgone che valicava le Alpi, scortato dalle auto delle forze dell’ordine, entreranno nella storia. La novità è che ora anche i giganti del cielo possono contribuire alla distribuzione del vaccino.

Vaccino anti Covid Furgone con la scorta arriva in Italia. Credits: Tuttosport
Furgone con la scorta arriva in Italia. Credits: Tuttosport

L’EASA, l’ente regolatore europeo, ha emanato le linee guida per il trasporto del vaccino sugli aerei. I vari operatori possono predisporre le loro flotte per contribuire alla diffusione del vaccino. Parliamo del vaccino Pfizer-BioNTech, l’unico attualmente validato dall’EMA. Sappiamo che deve essere conservato ad una temperatura di circa 70°C. Tutto ciò rende la logistica dietro al trasferimento complessa da gestire.

Purtroppo, le condizione di conservazione di questo vaccino contrastano con la sicurezza necessaria sugli aerei. Attualmente avviene già il trasporto di dispositivi farmaceutici via aria. Si stima che questi rappresentino circa il 2% del volume totale trasportato in tutto il mondo. Inoltre, in questo modo si può facilitare e accelerare l’approvvigionamento in luoghi poco accessibili.

I rischi nel trasporto aereo del vaccino anti-Covid

Vaccino anti Covid. Esempio della catena del freddo per un generico prodotto Credits: centrogalileo.it
Esempio della catena del freddo per un generico prodotto Credits: centrogalileo.it

“La catena del freddo” deve essere garantita attraverso l’utilizzo della CO2, il cosiddetto ghiaccio secco. Il trasporto su un aereo della quantità necessaria di CO2 per consentire la conservazione del vaccino risulta complesso. La CO2 è considerata merce pericolsa per la sicurezza del volo. Sono, quindi, necessarie azioni che mitighino il rischio di incidenti.

La normativa ammette una concentrazione di CO2 massima dello 0.5%. Trasportare grandi quantità di questo gas incolore e inodore eccede sicuramente i limiti consentiti. Valori che superano il 5% provocano problemi respiratori. Concentrazioni superiori al 10% causano convulsioni, coma e infine la morte.

Il rischio è levato non solo per i piloti ma anche per addetti alle operazioni di carico. Il problema non è, infatti, rappresentato dalla CO2 allo stato solido, ma dal gas che ne può scaturire. La temperatura all’interno di un aereo oscilla tra i 18°C e i 25°C. C’è quindi il rischio serio che la CO2 possa sublimare e passare allo stato aeriforme.

Trasporto del vaccino anti-Covid via aerea: istruzioni per l’uso

vaccino anti-Covid. Trasporto del vaccino con un 747 della AirBridgeCargo Credits: stattimes.com
Trasporto del vaccino con un 747 della AirBridgeCargo Credits: stattimes.com

Gli operatori dovranno implementare alcune strategie per mitigare eventuali incidenti. L’EASA riporta alcune linee guida:

  • Attenzione rivolta verso l’impianto di ventilazione e pressurizzazione. Tutti gli apparati preposti allo scopo devono essere funzionanti e operativi.
  • Utilizzo di dispositivi di rilevazione della concentrazione di CO2. È consigliabile prevedere l’installazione di dispositivi portatili (PED) che incrementino il numero di rilevatori oltre a quelli già previsti.
  • Fornitura supplementare di ossigeno tramite maschere per tutti gli occupanti. In questo modo è possibile far atterrare in sicurezza l’aereo in caso di problemi.
  • Addestramento integrativo per tutto il personale coinvolto nelle operazioni, dai piloti agli operatori addetti al cargo.
  • Allocazione dei vaccini nel vano cargo provvisto di valvola di outflow. Permette l’espulsione della CO2 in caso di failure del sistema di ventilazione. In questo modo si crea una barriera fisica tra cargo e operatori.
  • Bisogna evitare interazioni con altri materiali e soprattutto non trasportare animali vivi.

Quali problemi possono nascere?

Vaccino anti Covid. Flotta al tramonoto. Credits: ILSOLE24ORE
Flotta al tramonoto. Credits: ILSOLE24ORE

L’agenzia apre alla possibilità di trasportare i vaccini nella cabina passeggeri. In questo caso non è possibile ospitare passeggeri paganti. Sono, invece, previsti operatori addetti al cargo per prevenire incendi. Le operazioni di supporto a terra devono prevedere ogni possibile eventualità. L’obiettivo è minimizzare il tempo a contatto con i contenitori in luoghi chiusi.

Altro potenziale problema è l’incremento di pressione provocato dagli impianti di aerazione operanti ad alti regimi. L’apertura delle porte, infatti, può comportare dei rischi per gli operatori che si interfacciano tra due ambienti a diversa pressione. Viene consigliato di effettuare queste operazioni con l’ausilio di un operatore esterno, che possa eventualmente intervenire in caso di emergenza.

La grave crisi scaturita dalla diffusione del Covid sta interessando anche il settore aereo. Il trasporto via aria del vaccino può rappresentare quindi un valido aiuto logistico a tutto il settore farmaceutico. I benefici vanno in entrambe le direzioni. Queste indicazioni costruttive fornite da EASA sono sintomo che ogni settore può avere un ruolo in questa guerra. Far fronte comune è la migliore risorsa per un mondo che ha voglia di superare al più presto questa pandemia.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su spacecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Davide De Iuliishttp://spacecue.it
Studente magistrale di ingegneria Aerospaziale presso il Politecnico di Torino, interessi legati alla cultura scientifica in generale. Fotografo per passione e amante delle natura e dello sport.