venerdì, 25 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

SpaceUp Pisa: La “non-conferenza” sbarca in Toscana

“È una bella cosa riscoprire la meraviglia (…) l’astronautica ci ha fatto tornare tutti bambini.” diceva Ray Bradbury nel suo libro “Croniche Marziane”, perché siamo piccolissimi e sprovveduti davanti all’immensità dell’universo. E come fanno i bambini, ogni tanto ci ritroviamo con degli amici, magari di fronte a una tazza di tè, per parlare di ciò che ci piace. Con questo spirito è nata, nel 2010, SpaceUp: la “non-conferenza”. Quest’anno l’appuntamento è il 5 e 6 maggio a Pisa, grazie all’impegno dell’associazione studentesca europea EUROAVIA.

Il primo evento SpaceUp si tenne a San Diego nel 2010. Da allora, la comunità di SpaceUp è cresciuta e si sono tenute diverse “non-conferenze” in tutto il mondo. In Italia abbiamo assistito a SpaceUp Roma 2015 e a SpaceUp Milano 2016, quindi, SpaceUp Pisa 2018 sarà il terzo evento del genere ad avere luogo nel nostro paese.

Cos’è SpaceUp?

Per la terza volta SpaceUp arriva al nostro paese; la “non-conferenza” che ha lo scopo fondamentale di creare una piazza dove tutti possano parlare di una passione in comune: lo spazio.
Una presentazione a SpaceUp Poland. Credits: www.spaceuppisa.com

SpaceUp è una “non-conferenza” dove, come suggerisce il nome, i partecipanti decidono il tema, l’agenda e la struttura dell’evento. Tutti sono incoraggiati, quindi, a parlare, a partecipare a delle tavole rotonde, o semplicemente a condividere idee sull’esplorazione spaziale, sull’ingegneria aerospaziale, sull’astronomia e tanto altro.

L’obiettivo fondamentale di un evento di questo genere è quello di riunire coloro che amano lo spazio per la condivisione di idee, dare la possibilità a tutti, dall’appassionato all’esperto, di esprimersi e di creare future collaborazioni.

Com’è strutturato l’evento?

Per la terza volta SpaceUp arriva al nostro paese; la “non-conferenza” che ha lo scopo fondamentale di creare una piazza dove tutti possano parlare di una passione in comune: lo spazio.
Una sessione a SpaceUp Rome 2015. Credits: www.spaceuppisa.com

È previsto l’intervento di alcuni esperti tra i quali risalgono Dario Kubler, Engineering Manager at Microchip Technology e fondatore dell’Associazione Divulgativa Astronomica e Astronautica (ADAA); Simona Gallerani, ricercatrice della Scuola Normale Superiore e vincitrice del Gratton Prize per la miglior tesi di dottorato del 2007-2008; Franco Frasconi, primo ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) di Pisa; Mariano Andrenucci, Professore Ordinario di propulsione elettrica all’Università di Pisa; ed Elena Grifoni Winters, Capo di Gabinetto dell’Agenzia Spaziale Europea.

Oltre alla presentazione degli speaker, ci sono due format principali: i T-5 e le Grid Sessions.

Il T-5 (T minus 5) consiste in degli interventi di cinque minuti nei quali è possibile utilizzare una presentazione di 20 slides. Esse vengono girate automaticamente ogni 15 secondi quindi è evidentemente un formato molto stimolante e competitivo.

Le Grid Sessions, invece, possono assumere diverse forme: una presentazione domande e risposte, una dimostrazione o una tavola rotonda. Le sessioni possono durare dai 15 ai 20 minuti e svolgersi in tempi e stanze differenti.

Per la terza volta SpaceUp arriva al nostro paese; la “non-conferenza” che ha lo scopo fondamentale di creare una piazza dove tutti possano parlare di una passione in comune: lo spazio.
La Grid di SpaceUp San Diego 2010. Credits: www.spaceuppisa.com

La Grid non è altro che una bacheca divisa in caselle che tutti possono riempire: chiunque dei partecipanti può semplicemente andare sul grid, scegliere un argomento a cui dedicare 15 minuti, scriverlo su un post-it, e appiccicarlo lassù: questa è la chiave della trasformazione di questa conferenza in una “non-conferenza”

Per partecipare a SpaceUp occorre registrarsi sul sito ufficiale della manifestazione, dove sono presenti anche ulteriori informazioni pratiche. E ricordate, a SpaceUp non ci sono spettatori ma solo partecipanti. Le sessioni saranno come delle conversazioni con degli amici. L’unica regola è quella di parlare di spazio!

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Heidi Garciahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureata in Ingegneria Informatica all’Università di Firenze. Studentessa magistrale di Ingegneria Robotica e dell'Automazione all'Università di Pisa. Caporedattrice della sezione Tech CuE del network Close-up Engineering e presidente dell'AS Pisa di EUROAVIA (European Association of Aerospace Students). Grande passione per l’aerospazio, l'astronomia e l'elettronica.