Home » Sensibilizzazione, il NORAD segue il viaggio di Babbo Natale

Sensibilizzazione, il NORAD segue il viaggio di Babbo Natale

Seguire il percorso di Babbo Natale è ora possibile grazie al NORAD. Il centro di difesa militare che ogni anno si propone di tracciare il percorso della slitta più famosa al mondo. Lo scopo? Sensibilizzare la popolazione al programma

Categorie Agenzie spaziali · Aviazione · Militare · SpaceMix
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Quest’anno è stato celebrato il sessantaseiesimo anniversario dall’avvio del programma NORAD (North American Aerospace Defense Command) Tracks Santa. Il programma di intrattenimento natalizio che viene organizzato sin dal 1995. Il programma si propone di tracciare il viaggio di Babbo Natale durante la magica notte della vigilia di Natale, con partenza dal Polo Nord. Il sito di monitoraggio è attivato agli inizi di Dicembre (quest’anno il 1 Dicembre). Fino al giorno del volo più amato dai bambini, propone un countdown con giochi ed intrattenimenti di ogni genere. Nel periodo prenatalizio propone uno sguardo sul villaggio del Polo Nord, film, teatro, giochi, musica e tanto altro. Il tutto disponibile sul sito ufficiale.

Tracciamento percorso da Babbo Natale per questo 2020. Crediti: NORAD

L’intrattenimento proposto dal NORAD è disponibile in ben otto lingue: Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco, Italiano, Giapponese, Portoghese, e Cinese.

In cosa consiste il NORAD Tracks Santa

La magia di natale ha inizio alle 4 a.m. EST del 24 dicembre (10:00 ora italiana). I visitatori del sito potranno guardare Babbo Natale in preparazione per il viaggio che ravviva lo spirito natalizio di ogni bambino. Poi, due ore più tardi, i tracker di tutto il mondo, chiamando il numero verde 1-877-Hi-NORAD (1-877-446-6723), potranno chiedere dove si trova Babbo Natale. Purtroppo però, anche qui il covid ha lasciato un ricordo. Il numero degli operatori telefonici della ditta NORAD è stato ridotto, per cui non è possibile parlare sempre con una persona fisica. Molte volte bisogna accontentarsi di ascoltare un messaggio registrato riguardante la posizione esatta di Babbo Natale e le sue renne.

Il NORAD Tracks Santa ha anche dato vita ad una App in modo da permette a chiunque creda nel Natale di seguire il periodo prenatalizio fino al lancio ufficiale di Babbo Natale. Le opportunità di tracciamento sono anche offerte dai social: Facebook, Twitter e Instagram; così come anche dalle piattaforme partner del programma quali: Bing, Alexa di Amazon e OnStar. Questo per permettere a chiunque in modo elementare, l’aggiornamento in tempo reale della posizione della slitta più famosa del mondo.

Le origini del percorso

Il programma ebbe inizio il 24 dicembre 1955 quando il giornale locale di Colorado Springs diede ai bambini il numero di telefono di Babbo Natale. Il numero corrispondeva, invece, a quello del centro di comando della Continental Air Defense (CONAD) di Colorado Springs. Il colonnello Shoup, in servizio quella notte, disse ai membri della propria squadra di fornire la posizione attuale di Babbo Natale. In questo modo ebbe inizio la tradizione tramandata fino ai giorni d’oggi, con il programma NORAD: evoluzione del CONAD.

Nel ventunesimo secolo il servizio è reso possibile grazie ad un gruppo numeroso di volontari, sia militari che civili. Ognuno di essi gestisce circa 20 telefonate all’ora. La maggior parte di queste avviene durante le 25 ore che vanno dalle due del mattino del 24 dicembre alle 3 del mattino del 25 UTC.

Il programma è finanziato mediante sponsorizzazioni senza sussidi governativi statunitensi e canadesi. La promozione dell’evento è garantita dal Northeast Air Defense Sector della Guardia Nazionale Aerea dello Stato di New York e dal Navy Information Bureau della Riserva Navale a Fort Carson, in Colorado. Altre agenzie federali statunitensi, quali NASA e NOAA, nonché le Canadian Armed Forces, partecipano alla pubblicizzazione.

Il NORAD in breve

 Nel 1958, gli Stati Uniti e il Canada formarono il NORAD per avvertire e difendere più efficacemente il continente in caso di attacco. Il North American Air Defense Command controlla le vie aeree per intrusioni come aerei o missili e avverte se un oggetto non riconosciuto dovrebbe entrare nelle vie aeree protette e, più recentemente, anche nei corsi d’acqua.

L’organizzazione è capeggiata da un generale nominato sia dal Presidente degli Stati Uniti d’America che dal Primo ministro del Canada. Il comandante attuale, l’ammiraglio Timothy J. Keating, della US Navy, è di base alla Peterson Air Force Base, nello stato del Colorado.

Poiché il NORAD è il protettore dei cieli del Nord America durante il resto dell’anno, è appositamente attrezzato per questa missione.

Il comandante del NORAD afferma:

Ventiquattro ore al giorno, 365 giorni all’anno, il NORAD difende il Nord America monitorando aerei, missili, lanci spaziali e qualsiasi altra cosa che vola dentro o intorno al continente nordamericano

Il satellite NORAD

Lo scopo è l’educazione e la sensibilizzazione del popolo americano e mondiale. In effetti, ciò che è iniziato a causa di un errore di battitura è fiorito ed è riconosciuto come uno dei più grandi programmi di sensibilizzazione della comunità del Dipartimento della Difesa.

Satellite NORAD. Crediti: NORAD

Il tracciamento inizia con il sistema radar NORAD chiamato North Warning System. Questo potente sistema radar ha 47 installazioni infilate nel nord del Canada e in Alaska. Nel momento in cui il radar ci dice che Babbo Natale è decollato, il NORAD inizia a utilizzare gli stessi satelliti che vengono utilizzati per fornire avvertimenti aerei di possibili lanci di missili diretti al Nord America.

I satelliti del NORAD si trovano in un’orbita geo-sincrona – questa è una frase interessante che significa che il satellite è sempre fissato sullo stesso punto sulla Terra, a 22.300 miglia sopra la Terra. I satelliti hanno sensori a infrarossi, il che significa che possono vedere il calore. Quando viene lanciato un razzo o un missile, viene prodotta un’enorme quantità di calore, sufficiente per i satelliti per vederli.

Lascia un commento