martedì, 29 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Paradosso di Olbers: Perché il cielo notturno è nero?

Sicuramente, volgendo il vostro sguardo verso le stelle, vi sarete posti almeno una volta questa domanda: perché il cielo notturno è buio, nonostante la luce emessa dalle stelle?

La risposta è contenuta nel cosiddetto “Paradosso di Olbers“.

Alla luce delle attuali conoscenze cosmologiche, il “paradosso” è diventato sostanzialmente solo una curiosità storica. In effetti, il fatto che il cielo notturno sia buio e il cielo di giorno sia “così poco luminoso”, non è affatto un paradosso ma una conseguenza perfettamente prevedibile. Il nostro Universo è sì ricco di galassie in tutte le direzioni, ma la sua “storia” è finita, sia in termini temporali che in termini spaziali. Ma andiamo con ordine: nella sua enunciazione originaria, il paradosso parte da tre assunti principali:

1) L’universo è infinitamente grande

2) L’universo è immutabile ed eterno

3) l’universo è pieno di stelle (o di galassie, nell’accezione moderna)

Da questi tre assunti deriverebbe che, in qualsiasi direzione guardassimo, ci arriverebbe la luce di qualche stella o galassia. Ma non solo: immaginiamo di trovarci al centro di una serie infinita di gusci sferici concentrici, ognuno contenente stelle o galassie uniformemente distribuite. Si può calcolare che, per i gusci via via più lontani, la diminuzione dell’intensità della luce è perfettamente equilibrata dal maggior numero di stelle o galassie presenti nel guscio con il raggio maggiore. Risulta così che il contributo di ogni guscio si va a sommare ai precedenti e, se l’Universo è infinito, risulterebbe infinita anche la luce del cielo notturno (e diurno)!

Da quando il paradosso è stato formulato per la prima volta in modo intuitivo, ovvero nei primi anni del 1500, fino alla sua “soluzione”, nei primi del ‘900, sono passati ben 400 anni. Tanto tempo è stato necessario per far accettare il fatto, indubitabilmente evidenziato dal paradosso, che almeno uno dei suoi tre assunti non era accettabile. Oggi sappiamo che il cielo di notte è buio e di giorno è illuminato sostanzialmente solo dal nostro Sole perché il nostro “universo causale” è finito: la luce viaggia ad una velocità enorme ma finita (300.000 Km al secondo) e tutte le stelle e le galassie che conosciamo esistono da un tempo finito, ad oggi stimato in circa 14 miliardi di anni. Sono quindi caduti i primi due assunti e, insieme ad essi, lo stesso paradosso!

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureato alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. E' apparso sul “Venerdì di Repubblica” e su "Lo Stradone" grazie alla pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio", di cui è fondatore e ideatore.