sabato, 11 Luglio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Fuoco “particolare”: ritrovato il meteorite di Capodanno

Ogni anno, siamo abituati a salutare il vecchio anno con spettacolari fuochi artificiali; ebbene, quest’anno non sono stati solo i fuochi a illuminare il cielo di capodanno. La mattinata del 5 Gennaio è stato ritrovato uno dei frammenti del meteorite che, nella sera del 1 Gennaio, è stata avvistata nel Nord Italia dalla rete di videocamere Prisma (Prima Rete Italiana per la Sorveglianza sistematica di Meteore e dell’Atmosfera), coordinata dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf); lo straordinario ritrovo nel Modenese è stato effettuato dal ciclista emiliano Davide Gaddi, noto organizzatore dei suoi viaggi in bicicletta per raccolte fondi a scopo benefico.

frammenti meteorite di Modena
Credits: repubblica.it

I due frammenti di meteorite, che potete ammirare nell’immagine superiore, sono riconoscibili per la loro patina scura e gli angoli smussati; i frammenti sono stati trovati nella zona Disvetro-Rovereto sul Secchia (Modena), ai limiti dell’area indicata dai calcoli della rete Prisma.

L’Inaf si è detta entusiasta del successo dell’operazione di ritrovo:

Il ritrovamento conferma la validità del metodo applicato e l’importanza del progetto Prisma per monitorare i bolidi che solcano i nostri cieli

Inaf

La rete Prisma, attualmente, vede videocamere installate su tutto il territorio italiano che monitorano il cielo 24 ore su 24; i protagonisti del progetto sono molto “variopinti”, possiamo trovare: osservatori astronomici professionali e amatoriali, università, planetari, associazioni culturali, istituti scolastici e privati.

Meteorite modenese
Credits: ansa.it

Romano Serra, dell’Università di Bologna, è stato l’esperto in materia che ha potuto fornire i primi dati certi e la prima conferma che si trattasse di un meteorite; ovviamente, non è che l’inizio: presto verranno effettuati ulteriori studi a riguardo.

Per il momento, l’Inaf invita a segnalare qualsiasi sasso anomalo nella zona, perché non si esclude la possibilità che possano essercene degli altri. Una delle poche cose certe, in questa situazione, è stata l’efficienza del lavoro di squadra attuato dal progetto Prisma:

È un successo di tutti noi, il risultato di un perfetto gioco di squadra

Coordinatore della rete Daniele Gardiol, dell’Inaf di Torino.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureato alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. E' apparso sul “Venerdì di Repubblica” e su "Lo Stradone" grazie alla pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio", di cui è fondatore e ideatore.