sabato, 15 Agosto, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Kounotori 6 comincia il suo viaggio verso la ISS

È decollato il 9 dicembre, alle 22.26 ora locale (le 14.26 ora Italiana) dal complesso di lancio Yoshinobu sull’isola di Tanegashima, il cargo giapponese HTV-6, noto anche con il nome Kounotori 6 (che nella lingua giapponese significa “Cicogna Bianca“). L’obiettivo primario di questo lancio sarà quello di rifornire l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale.

L’aspetto di HTV-6 è caratterizzato dalla presenza di 48 pannelli solari, montati direttamente sulla superfice del veicolo. Credit: JAXA
L’aspetto di HTV-6 è caratterizzato dalla presenza di 48 pannelli solari, montati direttamente sulla superfice del veicolo. Credit: JAXA

La storia di questa missione spaziale è stata abbastanza travagliata: inizialmente il lancio era previsto per il 30 settembre 2016 tuttavia, precisamente il 10 agosto 2016, è stato annunciato il rinvio a causa di una perdita scoperta durante le prove di pressurizzazione.
Materiali per equipaggio
 
È bene specificare, tuttavia, che, nonostante il carico sia importante per la missione spaziale, il ritardo della “consegna” da parte di Kounotori 6 non ha rappresentato alcun motivo di disagio per i membri dell’equipaggio della ISS (che può garantirne la sopravvivenza per diverso tempo); il carico complessivo da trasporto è di circa 4,9 tonnellate, comprendente:
  • 1.264 kg di rifornimenti per l’equipaggio (tra cui 600 litri di acqua, e cibi freschi);
  • 663 kg di hardware e di pezzi di ricambio (compreso un nuovo “filtro” per il Carbon Dioxide Removal Assembly, ossia il sistema che rimuove l’anidride carbonica dalla ISS);
  • 156 kg di componenti informatici;
  • 35 kg di dispostivi per tute e attività extraveicolari;
  • 28,25 kg di materiale per la sezione russa della stazione spaziale.

Oltre, ovviamente, a diverse centinaia di kilogrammi di materiale per attività scientifiche.

Per Kounotori, tuttavia, è solo l’inizio: infatti sono in arrivo la bellezza di altre 3 missioni, il tutto per poter completare la sostituzione delle batterie della ISS; attualmente              HTV 7 – HTV 8 – HTV 9 sono previsti per gli anni 2018, 2019 e 2020 (per loro è previsto uno “stazionamento” di circa 60 giorni presso la Stazione Spaziale). Dopo il 2020 il cargo sarà rimpiazzato da un nuovo veicolo, HTV-X, dotato di vari upgrade tra i quali una maggiore capacità di carico (1,2 tonnellate in più).

 

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureato alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. E' apparso sul “Venerdì di Repubblica” e su "Lo Stradone" grazie alla pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio", di cui è fondatore e ideatore.