Home » James Webb Telescope, quale sarà la sua prima foto?

James Webb Telescope, quale sarà la sua prima foto?

Il Virtual Telescope Project 2.0 a Roma ha catturato la prima immagine del veicolo spaziale mentre orbita a L2 coprendo un viaggio di un mese dalla Terra.

Categorie SpaceMix

Nella comunità astronomica sorge una domanda: cosa guarderà prima l’enorme osservatorio James Webb? Teniamo bene a mente che le prime immagini che avremo saranno “brutte”.

James Webb, mai l'uomo è stato così vicino al Big Bang | Newtuscia Italia
James Webb. Credi: ESA

A che punto si trova il James Webb?

Il telescopio spaziale James Webb è arrivato con successo nello spazio il 25 dicembre e ha completato i suoi principali dispiegamenti circa due settimane dopo. La sua destinazione finale è il punto di Lagrange L2 Terra-sole. Questo punto è gravitazionalmente stabile nello spazio, a circa 1,5 milioni di chilometri lontano dal nostro pianeta.

Il telescopio include 18 segmenti di specchio esagonali che devono essere gradualmente allineati, in modo quasi perfetto, in un’unica superficie di raccolta della luce.

Le prime immagini saranno brutte. Sarà sfocata. Avremo 18 di queste piccole immagini in tutto il cielo

Rigby, scienziata del progetto operativo Webb

I membri del team Webb non hanno detto durante la conferenza stampa se intendono rilasciare quelle prime immagini. I segmenti dello specchio primario all’inizio saranno fuori asse di interi millimetri millimetri, il che è un grande grado di imprecisione quando si tratta di affinare un esopianeta distante o vedere le stelle in una galassia lontana. Ma entro il giorno 120 circa della missione, che è circa il 24 aprile, gli ingegneri si aspettano che il telescopio vedrà molto più precisamente con la procedura di allineamento completata.

Dobbiamo far funzionare gli specchi come un coro, e questo è un processo metodico e laborioso.

Rigby
Ecco la foto più profonda di due sorelle galattiche - MEDIA INAF
Nube di Magellano

Cosa vedrà con i suoi occhi la prima volta?

La prossima grande domanda è: su cosa il James Webb concentrerà i suoi occhi per la prima volta? L’osservatorio è annunciato come successore del rivoluzionario telescopio spaziale Hubble lanciato nel 1990. Esso ha ricevuto molte richieste tra gli astronomi e, la stragrande maggioranza di queste, ha dovuto essere rifiutata. Alcuni programmi del telescopio sono elencati sul sito web della NASA, ma dove Webb guarderà per primo, non è stato ancora rivelato.
Tuttavia, conosciamo alcuni degli obiettivi di allineamento ingegneristico che l’osservatorio esaminerà durante la prima messa in servizio.

“Abbiamo alcune sorgenti che sono [di] una luminosità piacevole e uniforme”, ha detto Rigby, “quindi possiamo controllare come funzionano i rivelatori […] Molti di questi bersagli si trovano nella Grande Nube di Magellano, perché possiamo sempre vedere i poli dell’eclittica nord e sud, sono sempre disponibili.”

Rigby ha aggiunto che il team ha scelto molti degli obiettivi del periodo di messa in servizio nella Grande Nube di Magellano, una galassia nana relativamente vicina alla Via Lattea. Questi sarebbero sempre stati in vista, non importa quando Webb fosse stato lanciato. “Sapevamo che non dovevamo continuare a riprogrammare se la data di lancio fosse cambiata”, ha detto.

Nube di Magellano

La prima immagine del James Webb viene da Roma!

Con il telescopio James Webb ora parcheggiato con successo nella sua orbita nel secondo punto di Lagrange (L2), a quasi 15.00.000 chilometri dalla Terra, le prime immagini della navicella spaziale sono state catturate dal pianeta Terra. Il Virtual Telescope Project 2.0 a Roma ha catturato la prima immagine del veicolo spaziale mentre orbita a L2 coprendo un viaggio di un mese dalla Terra.

L’immagine è stata catturata da una singola esposizione di 300 secondi, non filtrata, raccolta a distanza da un’unità robotica al Virtual Telescope Project. “Il nostro telescopio robotico ha tracciato il movimento apparente del James Webb Space Telescope (JWST). Questo è contrassegnato da una freccia al centro“, ha affermato il team del progetto rilasciando l’immagine.

Al momento dell’immagine il Webb ha completato il suo viaggio di quasi un milione di miglia dopo essere stata lanciata dalla Terra il giorno di Natale dell’anno scorso. A comando, il telescopio spaziale James Webb ha sparato con i suoi propulsori a razzo per quasi cinque minuti per entrare in orbita attorno al sole nella posizione designata.

James Webb
James Webb. Credit: NASA

Gli ultimi accorgimenti per il telescopio

L’accensione del propulsore di lunedì ha messo il telescopio in orbita attorno al sole nel cosiddetto secondo punto di Lagrange. Qui dove le forze gravitazionali del sole e della Terra si bilanciano a vicenda. La navicella spaziale da 7 tonnellate eseguirà un loop-de-loop attorno a quel punto mentre girerà anche intorno al sole. Affaccerà sempre sul lato notturno della Terra, per mantenere i suoi rivelatori a infrarossi il più freddi possibile.

Ci aspettiamo che le prime immagini scientifiche di JWST arrivino tra circa cinque mesi.

Amber Straughn, vice scienziata del progetto per le comunicazioni scientifiche

Gli specchi dell’osservatorio da 10 miliardi di dollari devono ancora essere meticolosamente allineati. I rivelatori a infrarossi devono essere sufficientemente raffreddati. Infine gli strumenti scientifici calibrati prima che le osservazioni possano iniziare a giugno.

Dopo il raffreddamento, gli strumenti devono essere regolati. Tutte le regolazioni verranno effettuate con un ritardo di 10 secondi: 5 secondi fino a quando un segnale di comando dalla Terra raggiunge il telescopio, altri 5 per vedere il risultato al centro di comando.
Si stima che tutto questo richiederà 180 giorni, solo dopo avremo la prima immagine bella e sbalorditiva dal James Webb.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento