DELLO STESSO AUTORE

SOCIAL

INSTAGRAM

CORRELATI

Iran: aereo ucraino precipita subito dopo il decollo

Il 2019 non è stato un anno molto proficuo per la nota azienda Boeing; infatti, la sua linea dei 737 Max è stata interrotta dopo due incidenti aerei, distanziati da pochi mesi, che ha portato alla morte più di 300 passeggeri. Come ben sappiamo, quello è stato solo l’inizio del tracollo che ha costretto l’intero direttivo dell’azienda aerospaziale a far dimettere il suo CEO Dennis Muilenburg. La linea negativa sembra non volersi interrompere neanche nel 2020: un Boeing 737-800 è precipitato subito dopo il suo decollo dall’aeroporto Khomeini di Teheran (Iran), trascinando con sé più di 170 passeggeri.

L’aereo “colpevole”

L’aereo dell’Ukraine International Airlines, era un Boeing 737-800, bimotore, usato per voli a breve e medio raggio; secondo le fonti, l’aereo sarebbe precipitato circa 3 minuti e 42 secondi dopo il decollo (si sono persi i contatti con l’aeroporto alle 6:14 del mattino), per poi precipitare in un campo alla periferia della capitale dell’Iran. La compagnia aerea ha specificato che il velivolo era nuovo, costruito nel 2016, e che aveva effettuato tutti i controlli tecnici, passando la revisione il 6 gennaio. Il presidente ucraino ha dichiarato l’apertura di un’inchiesta per disastro aereo.

incidente aereo Iran
Credits: tusciaweb.eu

Aria di guerra

Le cause dell’incidente non sono ancora state ufficializzate; l’ambasciata ucraina ha subito “tinto di giallo” le cause dell’incidente: inizialmente attribuite a un guasto di uno dei motori, la stessa ambasciata ha subito ritirato le sue affermazioni iniziali:

Una commissione chiarirà le informazioni sulle cause del disastro aereo. Ogni dichiarazione sulle cause dell’incidente prima delle conclusione della commissione non è ufficiale.

Ambasciata Ucraina

L’unica cosa certa, per ora, è che l’Iran non consegnerà a Boeing le scatole nere dell’aereo caduto; il capo dell’aviazione civile iraniana Ali Abedzadeh ha annunciato che non è ancora chiaro in quale Paese l’Iran invierà le scatole nere in modo da analizzare i dati.

Per avere notizie certe, non ci resta che attendere; intanto, date le condizioni “stabili” su cui verteva il 737, non sono mancate teorie un po’ più particolari a riguardo che hanno spinto diversi aerei a modificare la propria rotta commerciale.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureato alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. E' apparso sul “Venerdì di Repubblica” e su "Lo Stradone" grazie alla pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio", di cui è fondatore e ideatore.