Home » Il tombino più veloce della storia umana: leggenda o verità?

Il tombino più veloce della storia umana: leggenda o verità?

Fino agli anni 80, prima delle sonde Voyager, l'oggetto più veloce che un umano avesse costruito potrebbe essere un tombino, sparato nello spazio, da una bomba nucleare. Secondo la leggenda, nel 1957, il Nevada Test Site ha visto una serie di esplosioni nucleari che hanno portato questo oggetto in orbita.

Categorie SpaceMix

Nel 4 ottobre 1957 l’Unione Sovietica lanciò lo Sputnik 1, il primo satellite in un’orbita terrestre bassa ellittica. Era solo 83 chilogrammi con un diametro di 54 centimetri ed è riuscito a rimanere in orbita per 21 giorni prima che la batteria che alimentava il trasmettitore si esaurisse. Bruciò nell’atmosfera tre mesi dopo. Questo segnò l’inizio di quella che sarebbe stata conosciuta come la “corsa allo spazio” tra i sovietici e gli Stati Uniti. Tuttavia, secondo la leggenda, l’America potrebbe aver accidentalmente battuto i sovietici nel lanciare qualcosa nello spazio: un tombino.

Tombino più veloce
Esplosione di una bomba nucleare

L’america e le bombe nucleari

Il top secret Progetto Manhattan che ha visto lo sviluppo della prima bomba nucleare alla fine della seconda guerra mondiale è stato solo l’inizio di una lunga era di ricerca e sviluppo di armi nucleari. Tra il 1945 e il 1992, gli Stati Uniti da soli hanno fatto esplodere più di 1.000 testate nucleari durante i test.

Per ovvie ragioni, queste armi di distruzione di massa sono state fatte esplodere in aree altamente isolate del paese, come nei deserti del New Mexico e del Nevada, o nelle Isole Marshall situate nel mezzo dell’Oceano Pacifico. Anche così, gli scienziati erano giustamente preoccupati per le ricadute nucleari di questi test che potevano viaggiare attraverso l’atmosfera e colpire i civili.

Così, alla fine degli anni ’50, il Pentagono decise che la stragrande maggioranza dei suoi test dovesse essere eseguita sottoterra. Questi non erano i primi test nucleari sotterranei, ma sarebbero stati i primi progetti in assoluto che riguardavano il contenimento nucleare.

Operazione Plumbbob

Operazione Plumbbob

Nell’estate del 1957, durante l’operazione Plumbbob, gli scienziati americani stavano testando le capacità delle esplosioni nucleari presso il Los Alamos Scientific Laboratory. Hanno testato diverse leghe, varie dimensioni di resa e, controversamente, il modo in cui le truppe reagiscono all’esposizione.

L’operazione Plumbbob era una serie di 29 esplosioni destinate a studiare vari aspetti delle bombe nucleari, incluso come contenere le ricadute di un’esplosione sotterranea. Per testare ciò, i militari hanno innescato diverse esplosioni sul fondo di profondi pozzi, coperti da cappucci di metallo.

Durante il test Pascal-A del 26 luglio, gli scienziati hanno testato una testata nucleare sotto la superficie della Terra, segnando il primo test nucleare sotterraneo degli Stati Uniti. La resa del test è stata 50.000 volte maggiore del previsto e l’esplosione è uscita dal foro profondo 152 metri. Ha distrutto 1,5 metri di cemento usati per coprire l’esplosione.

Per il test è stata utilizzata una testata W-25 modificata del peso di 55 tonnellate e di 650 centimetri di diametro e 440 centimetri di lunghezza. Ma, prima che gli scienziati potessero progettare un test nucleare completamente contenuto, uno di loro è diventato materia di leggende.

Plumbbomb

Il tombino più veloce del mondo

Il 27 agosto, invece della W-25 da 55 tonnellate del test precedente, hanno utilizzato una bomba da 300 tonnellate. Quindi hanno posizionato un tappo di cemento da 2 tonnellate appena sopra la bomba e, in cima al buco c’era il tombino destinato a diventare famoso.

Gli scienziati si aspettavano che il tappo di cemento si vaporizzasse, ma quando i vapori si sono espansi, la pressione ha spinto verso l’alto nel pozzo e ha fatto esplodere in aria il tombino in acciaio. L’unica telecamera ad alta velocità, che catturava un fotogramma al millisecondo, è stata in grado di catturare il tombino solo in un singolo fotogramma.

In quegli anni pensavano che avesse raggiunto sei volte la velocità di fuga della Terra (che è 11,2 km/sec). Una stima più moderna invece pone la velocità della calotta in acciaio a circa 56 km/sec.
Oggi, l’oggetto più veloce prodotto dall’uomo è l’Helios 2, che viaggia a 70,2 km/sec.

I test successivi sono stati progettati in modo tale che veniva raggiunto il contenimento totale dell’esplosione nucleare.

Col tempo i test sono diventati molto sofisticati e costosi, ma siamo stati in grado di ottenere un contenimento completo per quasi tutti i test. Quindi giudicherei che i nostri sforzi hanno avuto un discreto successo.

Brownlee

Al giorno d’oggi non abbiamo nessun modo di verificare se il tombino è sopravvissuto all’esplosione ed all’entrata in orbita, ma se i calcoli erano corretti, il Dr. Brownlee potrebbe essere il primo ad essere arrivato nello spazio creando l’oggetto più veloce fino agli anni 80.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento