Home » Iceberg gigante e l’epico viaggio nell’Oceano Antartico

Iceberg gigante e l’epico viaggio nell’Oceano Antartico

Luglio 2017: un iceberg gigante, chiamato A-68, si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen-C dell'Antartide, perdendo 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce durante il suo percorso. Il 19 gennaio l'ESA ha pubblicato uno studio in cui è simulato il suo viaggio e la sua evoluzione

Categorie Agenzie spaziali · Satelliti e Lander · SpaceMix

L’A-68 nel 2017, aveva una superficie di oltre il doppio delle dimensioni del Lussemburgo, uno dei più grandi iceberg mai registrati. La parte principale dell’iceberg, andò alla deriva in modo preoccupante vicino alla Georgia del Sud. Le preoccupazioni riguardavano i danni che avrebbe potuto comportare all’ecosistema del fondo marino. Inoltre avrebbe potuto rendere difficile per i pinguini, dirigersi verso il mare per nutrirsi. Incontrando acque via via più calde, durante il suo viaggio ha rilasciato circa 152 miliardi di tonnellate di acqua dolce vicino all’isola. Dall’altro lato la riduzione di taglia dell’iceberg gigante ha evitato che esso rimanesse bloccato in prossimità dell’isola.

Movimento dell’A-68 tramite misurazione satellitare. Crediti:ESA

Osservazione della disintegrazione dallo spazio del berg gigante

Un articolo pubblicato su Remote Sensing of Environment descrive come i ricercatori del Centre for Polar Observation and Modelling nel Regno Unito e del British Antarctic Survey hanno combinato le misurazioni di diversi satelliti per tracciare come l’A-68A è cambiato in area e spessore durante il suo ciclo di vita. Il viaggio dell’A-68A è tracciato utilizzando le osservazioni di cinque diverse missioni satellitari.

Le immagini ottiche della missione Copernicus Sentinel-3 e dello strumento MODIS sulla missione Terra degli Stati Uniti, insieme ai dati radar della missione Copernicus Sentinel-1, sono serviti a tenere traccia della variazione dell’area dell’A-68.Le immagini radar Sentinel-1 offrono capacità per tutte le stagioni e una risoluzione spaziale più elevata. Le immagini ottiche MODIS e Sentinel-3 hanno una risoluzione temporale più elevata ma non possono essere utilizzate durante la notte polare e nei giorni nuvolosi.

Per misurare i cambiamenti nel bordo libero dell’iceberg, o l’altezza del ghiaccio sopra la superficie del mare, hanno usato i dati della missione CryoSat dell’ESA e della missione statunitense ICESat-2. Conoscere il bordo libero del ghiaccio significa che è possibile calcolare lo spessore dell’intero iceberg. Tutte queste misurazioni insieme hanno permesso agli scienziati di calcolare come è cambiato il volume dell’iceberg e quindi quanta acqua dolce ha rilasciato.

Tommaso Parrinello, CryoSat Mission Manager dell’ESA, ha dichiarato

La nostra capacità di studiare ogni movimento dell’iceberg in modo così dettagliato è dovuta ai progressi nelle tecniche satellitari. I satelliti di imaging registrano la forma dell’iceberg e i dati delle missioni di altimetria come CryoSat. Questi infatti, aggiungono un’altra dimensione importante in quanto misurano l’altezza delle superfici, che è essenziale per calcolare le variazioni di volume

I danni che avrebbe potuto arrecare

Il nuovo studio rivela che l’A-68A si è scontrato solo brevemente con il fondale marino e si è rotto poco dopo, rendendolo meno rischioso. Quando ha raggiunto le acque poco profonde intorno alla Georgia del Sud, la chiglia dell’iceberg si era ridotta a 141 metri sotto la superficie dell’oceano, abbastanza poco profonda da evitare il fondale marino che è profondo circa 150 metri. Se la chiglia di un iceberg è troppo profonda può rimanere bloccata sul fondo del mare e questo può essere dirompente in molti modi: i segni di sfregamento possono distruggere la fauna e il berg stesso può bloccare le correnti oceaniche e le rotte di foraggiamento dei predatori, chiariscono dall’Esa.

I dati rilevati

A68A si assottigliò da 235 ± 9 a 168 ± 10 m, in media, perdendo 802 ± 34 Gt di ghiaccio in 3,5 anni. Solo 254 ± 17 Gt di questi attraverso lo scioglimento basale (un limite inferiore per l’immediato ingresso di acqua dolce nell’oceano).

Lo scioglimento basale ha raggiunto il picco a 7,2 ± 2,3 m / mese nel Mare di Scozia settentrionale e circa 152 ± 61 Gt di acqua dolce sono stati rilasciati al largo della Georgia del Sud, alterando potenzialmente le proprietà oceaniche locali, la presenza di plancton e le condizioni per i predatori.

Visualizzazione dell’aumento dell’acqua rilasciata dall’A-68. Crediti:ESA

Complessivamente, l’iceberg A-68A si è assottigliato di 67 metri dal suo spessore iniziale di 235 metri. Con il tasso di fusione in forte aumento mentre il berg andava alla deriva nel Mare di Scozia intorno alla Georgia del Sud.

Cenno sugli iceberg

Gli iceberg influenzano le proprietà fisiche e biologiche dell’oceano dove vanno alla deriva, a seconda del grado di fusione. In particolare, gli iceberg antartici prendono il nome dal quadrante antartico in cui sono stati originariamente avvistati, quindi un numero sequenziale, e poi se l’iceberg si rompe, viene aggiunta una lettera sequenziale.

Lascia un commento