sabato, 16 Gennaio, 2021

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La fine del sistema solare: quale sarà il destino del Sole

Il sistema solare, un giorno, avrà effettivamente una fine? Quale sarà il destino del nostro sole?

Molto interessanti sono gli studi che riguardano quale potrebbe essere il prossimo destino del Sole e del sistema solare. Gli scienziati già da tempo si chiedono per quanto tempo il sistema solare, così come lo conosciamo oggi, continuerà ad esistere. E ciò che appare chiaro da questo punto di vista è che il sistema solare avrà sicuramente una fine. I ricercatori hanno messo a punto varie simulazioni e in base a queste hanno compreso che il nostro sistema solare avrà vita ancora per circa 100 miliardi di anni. Dopo quella data scompariranno tutti i pianeti.

La trasformazione del Sole e la scomparsa dei pianeti

Le nuove tecnologie si rivelano molto importanti nello studio del sistema solare e della vita futura del Sole. È in generale l’innovazione tecnologica che sta portando all’ampliamento di molte conoscenze in diversi settori e sta rivoluzionando davvero le nostre abitudini, proponendoci forme di intrattenimento diverse rispetto al passato, come per esempio i casino online con più vincite. In generale tutto ciò che si può simulare attraverso internet ha acquistato in questi ultimi tempi un ruolo di primo piano.

E sono proprio le nuove tecnologie che hanno permesso agli scienziati di saperne di più su quella fase che sarà decisiva per il sistema solare, quando il Sole diventerà una gigante rossa e finirà con l’inghiottire i pianeti interni. Gli studi basati anche sulle nuove tecnologie hanno permesso di scoprire che tra circa 5 miliardi di anni il Sole aumenterà di molto le sue dimensioni. Allargherà contemporaneamente i suoi confini, così tanto da inghiottire Mercurio, Venere e anche la Terra probabilmente.

Ma c’è di più, perché secondo gli studiosi che hanno analizzato il problema della fine del sistema solare il Sole durante questa fase tenderà ad espellere quasi metà della sua massa. Arrivata nello spazio questa sarà propagata dai venti stellari. Quindi al centro del sistema solare resterà soltanto quella che sarà a tutti gli effetti una nana bianca, che avrà una massa di circa il 54%, se la paragoniamo all’attuale massa del Sole.

La fine dei pianeti più esterni

Abbiamo specificato che i pianeti interni del sistema solare saranno inghiottiti dal Sole, che, appunto, come abbiamo detto, aumenterà la sua massa e diventerà una gigante rossa prima e una nana bianca dopo. Ma gli scienziati, oltre a capire ciò a cui saranno soggetti i pianeti interni, hanno cercato di comprendere anche meglio che cosa accadrà ai pianeti esterni, come per esempio Marte.

Questo interrogativo ha portato a mettere in atto altri studi, sempre basati sulle simulazioni che riguardano il futuro del sistema solare. Gli scienziati hanno così compreso che sarà influente anche il ruolo importante delle altre stelle che ci sono intorno al Sole. Questi corpi celesti a volte, circa ogni 23 milioni di anni, si avvicinano e perturbano le orbite dei pianeti del sistema solare. Poiché il futuro sistema solare avrà una stella al centro che avrà perso circa la metà della sua massa, le perturbazioni delle altre stelle potrebbero diventare più influenti.

Quindi potrà accadere che i pianeti rimasti nel sistema solare, principalmente quelli esterni, potrebbero essere destabilizzati nelle loro orbite. Hanno visto, proseguendo gli studi, che, dopo circa 30 miliardi di anni dal momento in cui il Sole diventerà una nana bianca, saranno così influenti le perturbazioni causate dalle altre stelle sulle orbite dei pianeti che questi ultimi finiranno con lo sfuggire all’attrazione gravitazionale del Sole e diventeranno dei pianeti che vagano nello spazio interstellare.

A quel punto il sistema solare così come lo conosciamo oggi non esisterà più, a parte qualche roccia vagante, essendo abbastanza vicina al Sole, ormai diventato una nana bianca. Poi la nana bianca si trasformerà in una nana nera.