Home » La fine dei dinosauri è stata segnata dalla polvere finissima di meteorite

La fine dei dinosauri è stata segnata dalla polvere finissima di meteorite

Una nuova ricerca pubblicata su Nature Geoscience e guidata dall'Osservatorio Reale del Belgio ha rivelato che la polvere di meteorite ha avuto un ruolo cruciale nell'estinzione dei dinosauri oltre 66 milioni di anni fa, gettando nuova luce su questo evento storico.

Categorie Astronomia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La storia della Terra è costellata di eventi che hanno cambiato il corso della vita sul nostro pianeta. Uno dei più significativi è stato senza dubbio la fine dei dinosauri, avvenuta oltre 66 milioni di anni fa. Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Geoscience e guidata dall’Osservatorio Reale del Belgio, getta luce su questo misterioso evento, rivelando il ruolo cruciale della polvere di meteorite.

La scoperta rivoluzionaria

fine dei dinosauri

Per anni, gli scienziati hanno dibattuto sulle cause esatte dell’estinzione di massa che ha visto la scomparsa di oltre il 75% delle specie terrestri. La nuova ricerca indica che la polvere finissima di silicati, proveniente dall’impatto con il meteorite di Chicxulub, ha avuto un ruolo decisivo. Questa polvere potrebbe essere rimasta nell’atmosfera anche per 15 anni, provocando un inverno globale e bloccando la fotosintesi per circa 2 anni.

Impatto sulla fine dei dinosauri e conseguenze

L’impatto del meteorite di Chicxulub è stato a lungo considerato un fattore chiave nell’estinzione dei dinosauri. Tuttavia, la nuova ricerca sottolinea l’importanza della polvere di silicati. Questa polvere sottilissima avrebbe potuto ridurre la temperatura globale fino a 15 gradi e interrompere la fotosintesi per quasi due anni. Queste condizioni estreme avrebbero portato al collasso degli ecosistemi e innescato una reazione a catena di estinzioni.

Metodologia della ricerca

fine dei dinosauri

Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori, guidati da Cem Berk Senel, hanno realizzato delle simulazioni basate su un sito molto ben conservato localizzato in Nord Dakota, negli Stati Uniti. Questo approccio ha permesso di analizzare con maggiore precisione gli effetti dei diversi tipi di detriti espulsi dal cratere, tra cui zolfo, fuliggine e polvere di silicati.

Questa scoperta non solo fornisce nuove prospettive sulla fine dei dinosauri, ma apre anche nuove domande sulla resilienza della vita sulla Terra e sugli effetti di eventi catastrofici. La polvere di meteorite, un elemento finora sottovalutato, si rivela essere un fattore cruciale nella storia del nostro pianeta

Lascia un commento