giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Un film oltre l’atmosfera: “Gagarin: Primo nello spazio”

Il 12 aprile 1961, alle 9:07 ora di Mosca, dalla base spaziale di Bajkonur in Kazakistan decollava la Vostok 1, prima navicella spaziale con equipaggio umano. I 108 minuti che seguirono la videro compiere un’orbita completa intorno alla Terra per poi atterrare con successo. Questa svolta epocale ha reso Jurij Gagarin il primo uomo ad andare nello spazio.

Secondo voi, un evento del genere che ha fatto la storia, poteva mai tenersi alla larga dalle grinfie del cinema? Ovviamente no!

Gagarin: Primo nello spazio“, un film biografico del 2013 che porta la firma di Pavel Parkhomenko, che racconta la storia di Jurij Gagarin, figlio di un falegname e di una mungitrice, e di come, a soli 27 anni, sia riuscito a entrare nella storia come primo uomo a essere arrivato nello spazio.

Il film, in generale, si presenta davvero molto bene: oltre a descrivere l’intero addestramento a cui si è dovuto prestare Gagarin e le ultime ore prima del lancio, ha incastrato molto bene, e con un fluidità al limite del disarmante, diversi Flashback di diverse parti della sua giovinezza che ci mettono al corrente delle sfumature della sua personalità. Per dirla in breve, il film riesce bene a narrare “l’uomo nascosto dietro il mito“.

L’unica critica che muoverei al film è quella di presentare uno stampo eccessivamente “nazionalista”: il ragazzo che insegue il sogno di essere il primo ad osservare dal vuoto il “Pianeta blu“, come lo definì dalla capsula, ma che, ugualmente, gioisce per i trionfi dei colleghi, di fatto rivali, bordeggia il concetto di “santino sovietico”. E ammetto che ho guardato con un po’ di sospetto la scelta di non parlare della morte di Gagarin, avvenuta 7 anni dopo la riuscita della missione durante una esercitazione con il suo MiG-15UTI.

Per tirare le somme, è un film che, a mio avviso, è assolutamente da aggiungere alla vostra collezione di cinematografia aerospaziale. Nel caso l’aveste già visto, lasciate un commento per dirmi cosa ne pensate!

Vi lascio con questa piccola, ma intramontabile, perla:

La Terra è blu […] Che meraviglia. È bellissima. (Jurij Gagarin)

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su spacecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

  1. […] La successiva grande sfida del capo progettista Korolev e dell’Unione Sovietica fu quella di mettere in orbita un uomo e riportarlo vivo sulla Terra. Per raggiungere tale obiettivo, decise di modificare un satellite spia per trasformarlo in un veicolo spaziale. L’interno infatti presentava al posto dei sensori spia, un sedile eiettabile appositamente progettato considerando il peso del cosmonauta in modo tale da mantenere il payload originale. Dopo una serie di voli di prova con manichini e cani, il lanciatore Vostok (della stessa famiglia dei missili R-7) partì il 12 aprile 1961, con a bordo il primo essere umano nello spazio, Jurij Gagarin. […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Laureato alla triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. E' apparso sul “Venerdì di Repubblica” e su "Lo Stradone" grazie alla pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio", di cui è fondatore e ideatore.