Scompare e riappare continuamente con grande potenza. La bufala della Terra piatta, a prescindere dal periodo, diventa sempre virale.

Questa volta la colpa è di un tal Agostino Favari, un ingegnere elettronico di 40 anni, dichiarato complottista,  che risulta tra i relatori del primo convegno italiano dei terrapiattisti in programma a Palermo il 12 maggio. Favari assicura che, a Palermo, dimostrerà l’assenza di curvatura della Terra; ha anche confidato alla testata Huffpost che potrebbe cambiare idea se l’astronauta Umberto Guidoni lo portasse nello spazio per fargli constatare, personalmente, la sfericità della Terra.

Ottima trovata per un viaggio nello spazio, non trovate?

Abbiamo già parlato delle “origini della favola” relativa alla Terra piatta, introdotta da Samuel Rowbotham nel 19esimo secolo. La domanda che ora ci poniamo è: Cosa succederebbe se la Terra fosse realmente un piano e non un ellissoide? Analizziamo insieme i tratti essenziali:

La gravità

Terra piatta
Credits: butac.it

Dai più elementari esami di fisica, sappiamo che la gravità è una forza che è diretta vettorialmente verso il centro del nostro pianeta. E se la Terra fosse piatta? Esaminando questo particolare caso, il centro della massa di un piano è nel suo centro, più o meno, quindi la forza di gravità attirerebbe qualsiasi cosa verso il centro del piano, non verso il basso come ci capita normalmente. Questo tipo di gravità avrebbe conseguenze assai particolari sulla configurazione del nostro pianeta: i mari, per esempio, tenderebbero a sparire man mano che ci avviciniamo verso il bordo.

State tranquilli: la Terra non potrebbe mai essere piatta perché collasserebbe a causa della sua stessa forza di gravità, trasformandosi inesorabilmente in una “palla”. È per questo che qualsiasi oggetto celeste, che ha un diametro maggiore di qualche centinaio di chilometri, tende ad assumere una forma sferica.

Il Sole, la Luna e le stelle

Terra piatta
Credits: meteoweb.eu

Più o meno nel 300 a.C., Aristotele notò che, durante un’eclissi lunare, l’ombra sulla superficie della Luna era tonda: quella che si vede è l’ombra della Terra ed è un indizio non irrilevante sulla sua forma. Se la Terra fosse piatta, quell’ombra non sarebbe altro che una sottile striscia di ombra vicino il centro; non solo: secondo il modello terrapiattista, la Luna disterebbe circa 5 km dal nostro pianeta e noi non saremmo costretti a vedere una sola facciata del nostro satellite (alla faccia del disco dei Pink Folyd).

Se la Terra fosse piatta, inoltre, vedremmo le stesse stelle al Polo Nord e ai bordi del pianeta: è stato provato il contrario proprio dagli antichi Greci che, già all’epoca, erano consci del fatto che non sarebbe possibile vedere diverse stelle in diverse parti del mondo se la Terra non fosse davvero sferica.

Per chiudere il quadro, sempre esaminando il modello terrapiattista, saremmo in grado di vedere la luce del Sole 24h su 24, esattamente come siamo in grado di vedere una luce, identificandone la fonte, in un teatro al buio.

Il campo magnetico

terra piatta
Credits: mondofox.it

Come ben sappiamo, il nostro pianeta possiede un campo magnetico che ha origine nel suo nucleo e la cui presenza genera una sorta di “scudo” elettromagnetico che devia i raggi cosmici e tutte le particelle cariche. Se ipotizzassimo, nel modello della Terra piatta, un sostituto per il nucleo, come un oceano di metallo liquido, questo non fungerebbe come protezione, in quanto non ruoterebbe. Questo vuol dire che il nostro pianeta sarebbe preda facile dei raggi cosmici e delle particelle cariche, rendendo impossibile la vita.

Chiudiamo l’articolo con una piccola riflessione: Agostino Favari avrebbe affermato che, pur essendo salito a quota 400m, l’orizzonte è rimasto piatto. Noi replichiamo: per vedere un accenno di curvatura, occorre salire ALMENO a quota 20km.

Le uniche cose piatte, probabilmente, sono le onde del suo elettroencefalogramma.