giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Beyond: nuova missione sulla ISS targata “Luca Parmitano”

Di Angelo Mangione

Il 20 Luglio 2019, dal Cosmodromo di Baikur, in Kazakhstan, partirà la missione “Expedition 60“, o “Beyond“, con meta ISS (International Space Station, orbitante a 400 km di altezza dal suolo terrestre).

L’equipaggio della missione sarà composta dall’astronauta NASA Andrew Morgan, dal cosmonauta dell’agenza spaziale Russa Roscomos, Alexander Skvortsov, e dall’astronauta ESA Luca Parmitano; i tre partiranno a bordo del vettore Soyuz-MS13, di fabbricazione russa, di cui il primo lancio risale all’inverno del 1966: il tutto avverrà il giorno prima  del 50esimo anniversario del primo allunaggio.

Per l’astronauta italiano Luca Parmitano, “Beyond” rappresenta la terza missione, oltre la Sojuz TMA-09M e Expedition 36, a differenza del suo collega Andrew Morgan, alla prima esperienza; non solo, Parmitano ha alle spalle 7 ore e 39 minuti di EVA (Extra-Vehicular Activity) che ha eseguito nelle precedenti missioni, in cui si ricorda del problema tecnico dell’acqua all’interno del casco della tuta, e ben 166 giorni vissuti sulla ISS.

logo beyond
Credits: esa.int

Con questi traguardi alle spalle, unito alla sua esperienza di pilota collaudatore e di Tenente dell’Aeronautica Militare, Parmitano si è guadagnato il ruolo di Comandante a bordo della ISS, ruolo che ricoprirà solamente nella seconda parte della missione, cioè quando l’attuale Comandante Aleksej Ovcinin lascerà la ISS a bordo della capsula Soyuz. 

Beyond: la missione

La Expedition 60 durerà ben 201 giorni, durante i quali l’equipaggio svolgerà le “consuete” mansioni da astronauta ed eseguirà anche alcuni esperimenti scientifici mirati alla realizzazione delle future missioni verso la Luna e Marte, da qui il nome “Beyond” della missione ESA (“Oltre“, dall’inglese).

Gli esperimenti da affrontare saranno ben 51 di cui una, tra le più importanti, sarà la Analog-1, in cui Parmitano controllerà dalla ISS un rover posto in un’area desertica dell’isola di Lanzarote; questa missione punterà a simulare un possibile scenario futuro in cui gli astronauti, in orbita sulla Luna o su Marte, controlleranno dei rover posti sul terreno per svolgere difficili compiti o per allestire le prossime basi lunari e marziane. La Analog-1, inoltre, avrà anche dei possibili risvolti positivi sulla terra: rover simili potranno effettuare missioni di sorveglianza in zone molto difficili da raggiungere o troppo pericolose per consentire l’accesso agli esseri umani.

In questo momento, Luca Parmitano sta affrontando l’ultima parte dell’addestramento riguardo il laboratorio Europeo Columbus, parte della ISS e modulo in cui vengono svolte le principali attività da parte dell’equipaggio.

Nelle settimane immediatamente antecedenti al lancio, l’astronauta sarà impegnato in Russia, nella Città delle Stelle, o “Star City”, per le simulazioni pre-lancio e gli ultimi preparativi della missione.

Alla fine della missione, che avverrà il 6 Febbraio 2020, l’astronauta ESA e i suoi colleghi rientreranno sulla Terra tramite la capsula Soyuz-MS13.

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su spacecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here