Mariangela Quarata

nasa.gov

NASA: Sounds from Space

It is said that there is no sound in the space. Instead, it is not like this. Nasa, the American space Agency, has created specific instruments to capture the “voice” of the space. In fact, here the sound exists as electromagnetic vibrations. The Plasma Wave antenna has recorded these vibrations between 20 and 20000 Hz, then they were transformed into sound for ours ears. The US Agency started to have also its own channel on Soundcloud where there is a sound archive with wonderful recordings of phenomena from the Solar System, the roar of the Shuttle departure and famous phrases said during the missions. We have selected some of the most significant tracks to create our video:

  • Radio emissions collected by the space probe Cassini, launched on October 15, 1997 with the goal of studying the planet Saturn, its ring and its moons and went into orbit on July 1, 2004;
  • the first words said by Neil Armstrong on 20th July 1969 “The Eagle has landed” to announce the moon landing of the Apollo 11’s Eagle module;
  • storms of Jupiter recorded from space probes Voyager1 and Voyager2;
  • the phrase, which is of common use today: “Houston, we’ve had a problem” that astronaut Jack Swigert used during the Apollo 13 mission to the Mission Control to report that one of the four oxygen tanks exploded and the moon landing was not possible then;
  • the sounds produced by the interstellar plasma and collected again by the Voyager probes;
  • the original audio dating back to July 21, 1969 when Neil Armstrong during the landing on the moon said: “That’s one small step for a man one giant leap for mankind”;
  • the sound of the passage of the space probe Stardust near the comet Tempel1 on 14 February 2011;
  • the countdown preceding the last launch of the Space Shuttle for mission STS-135 on 8 July 2011;
  • the sound coming from the star KIC7671081B achieved thanks to the Kepler spacecraft launched in 2009.You will find many other files within the seven playlist that NASA has shared on its Soundcloud channel if you want to try the real feeling of traveling in space.Good listening … and have a nice trip!
Awwa_Eagle_Progress,closeupengineering.it

Awwa Progress Eagle: l’aereo del futuro a tre piani

Awwa Progress Eagle è l’aereo a tre piani che potrebbe rivoluzionare il mondo dell’aviazione. Progettato dal designer Oscar Vinals, è un velivolo commerciale dalle alte prestazioni e a zero emissioni inquinanti. Con 96 metri di apertura alare, capace di trasportare 755 passeggeri, circa 275 in più del più grande aereo finora progettato.

“Il miglior aspetto di Progress Eagle sarà la sua capacità di generare da sé la propria energia.” ha detto Vynals in merito al suo progetto, aggiungendo che l’aereo sarà anche più silenzioso di circa il 75% degli aerei attuali. Il rivoluzionario velivolo non sarà infatti alimentato con i tradizionali combustibili fossili, ma sarà dotato di sei motori a idrogeno per consentire il decollo, un grande motore posteriore con una turbina eolica e pannelli solari posizionati sulle ali e sul tetto.

L’aereo presenterà anche avanzati sistemi per catturare particelle inquinanti che alterano l’equilibrio del nostro ecosistema, come le particelle di CO2 rilasciate durante la crociera.

Progress Eagle sarà adoperato per lunghi viaggi, così il suo progettista ha affermato che dodici ore nell’aereo saranno meglio che in un hotel ricercato, esso ridurrà lo stress del volo; potrebbe esserci la possibilità di realizzare stanze private, negozi e ristoranti, inoltre la cabina sarà posizionata al secondo piano, da cui si potrà godere di una spettacolare vista panoramica.

Tra i materiali innovativi che verranno adoperati vi sono grafene, materiali ceramici, leghe di alluminio, cablaggi in fibra ottica e nanocristalli, il rivestimento delle ali sarà realizzato in nanotubi di carbonio e materiali compositi in fibre di carbonio, l’endoscheletro ultraleggero sarà in titanio e carbonio. La sezione che unisce la fusoliera con le ali, presenta una particolare forma per reindirizzare il flusso d’aria “anteriore” in modo da alimentare la turbina posteriore, il sistema di pulizia dalla CO2 e un sistema di nanofili per generare energia elettrica.

Oscar Vinals, pur sapendo che il suo progetto necessiti di tecnologie oggi limitate ai migliori laboratori di tutto il mondo, spera che il suo aereo a tre piani potrà essere realizzato nel 2030. Egli ha infatti dichiarato: “Oggi abbiamo circa il 40% della tecnologia necessaria per costruirlo.”

PakTa

PakTa: the new supersonic cargo plane

The new vehicle that the Russians are planning is called PakTa, it is a cargo plane of the Russian army. It will fly at supersonic speeds, about 2000 kilometers per hour, and it will carry up to 200 tons. It will then be able to reach any part of the world in just seven hours carrying up to 400 tanks. The military aircraft will be equipped with a gas turbine and an electric motor that will allow a range of 7,000 kilometers. The vehicle will far surpass both in speed and load capacity the C-5 Galaxy, the largest cargo plane of the US Army, which reaches about 830 kilometers per hour with a load of 120 tons.

The Russian program PakTa predicts that 80 new cargo planes will be built by 2024, with which the Russian army will be able to carry weapons, military vehicles and men in a very short time.

Header Image Credits: blogdimotori.it

Electron: nuovo razzo lanciato…sul mercato!

rocketlabusa.com

L’azienda Rocket Lab ha prodotto il razzo Electron per effettuare economicamente e frequentemente lanci di piccoli satelliti a bassa quota. Tra le caratteristiche più innovative del veicolo dedicato ad operazioni commerciali vi è la tecnica di produzione. Esso sarà infatti in larga parte stampato in 3D, il che permetterà riduzione dei costi e dei tempi di produzione. Il razzo a due stadi è dotato di un motore Rutherford ad ossigeno ed idrocarburi. È un motore a turbopompa LOX/RP-1, che utilizza un nuovo ciclo di propulsione: la turbopompa è alimentata da motori elettrici.

Un’ulteriore innovazione di Electron risiede nei materiali utilizzati.

Enormi riduzioni di peso sono state possibili grazie all’utilizzo di materiali compositi in fibra di carbonio, i quali conferiscono alla struttura robustezza e leggerezza. Questo requisito importante per veicoli di lancio orbitale è difficilmente raggiungibile per i razzi più piccoli della classe di Electron. I materiali compositi possono essere progettati per presentare resistenza e rigidità solo nelle direzioni richieste dai carichi. Questo permette quindi grandi carichi utili, infatti il valore di payload nominale è di 100 kg. Materiali compositi in fibra di carbonio sono stati utilizzati anche per la realizzazione dei serbatoi compatibili con ossigeno liquido.

Il razzo dal diametro di 1 metro e altezza di 20 metri è costato 4.9 milioni di dollari. Rocket Lab punta ad effettuare fino a 100 lanci spaziali. Il primo lancio è previsto per il 2015. A partire dal 2016 cominceranno le operazioni commerciali.

Happy birthday Hubble Space Telescope!

Hubble Space Telescope celebrates a quarter of century. It is in orbit by NASA April 24, 1990 to capture the wonders of the cosmos. Departed from Cape Canaveral and brought to 569 kilometers high (low earth orbit) from the shuttle Discovery, it sent by then spectacular images. It allowed us to observe natural phenomena otherwise only theorized. Weighing about 11 tons, it has a length of 13.2 meters and a diameter of 4.2 meters; it travels at the speed of 28000 km / h, using 97 minutes to complete one orbit. Powered by solar energy, captured thanks to the solar panels, and by six nickel-hydrogen batteries, Hubble sends about 120 gigabytes of data and images to the ground every week. It is characterized by a level of detail at least five times greater than the best ground-based telescopes, thanks to its primary mirror with a diameter of 2.4 meters. It is in fact extremely accurate: it is able to maintain a pointing of 7 thousandths of an arcsecond. But it was not always so. Before of that there was a drawback: the first images were distorted and blurry due to a construction defect, eliminated in 1993 by astronauts who worked directly in space. Hubble works in the visible and ultraviolet light and allows us to see more clearly the objects and phenomena that will be blurred and obscured from the earth due to the atmosphere. Only a portion of the many images collected by NASA through Hubble regards planets, stars, galaxies and asteroids.

How we will celebrate the 25th anniversary of this giant space?

NASA and ESA have organized scientific meetings, dissemination events and competitions. For example Hubble Mania: an online competition to vote the most beautiful image obtained with the space telescope; Ode a Hubble: a competition attended by amateur astronomers around the world by sending video dedicated to the telescope. The initiatives will continue in the coming months in order to highlight the importance not only scientific but also remembering how Hubble has transformed our idea of space.

Header Image Credits: spacetelescope.org

Hubble_Space_Telescope_closeupengineering.it

Tanti auguri Hubble Space Telescope!

 

Compie un quarto di secolo il telescopio spaziale Hubble messo in orbita dalla Nasa il 24 aprile 1990 per immortalare le meraviglie del cosmo. Portato a 569 chilometri di altezza (orbita bassa) dallo shuttle Discovery, partito da Cape Canaveral, ha inviato da allora immagini spettacolari. La sua importanza è legata all’averci permesso di osservare fenomeni naturali altrimenti solamente teorizzati. Dal peso di circa 11 tonnellate, ha una lunghezza di 13.2 metri ed un diametro di 4.2 metri; viaggia alla velocità di 28000 km/h, impiegando 97 minuti per completare un’orbita. Alimentato dall’energia solare, catturata grazie ai pannelli solari, e da sei batterie a nickel-idrogeno, ogni settimana Hubble invia circa 120 gigabytes di dati e immagini a terra. Dotato di uno specchio primario di diametro di 2.4 metri, è caratterizzato da un livello di dettaglio almeno cinque volte maggiore rispetto ai migliori telescopi terrestri. Esso è infatti estremamente accurato: riesce a mantenere un puntamento di 7 millesimi di arcosecondo. Ma non è stato da sempre così. All’inizio incontrò un inconveniente: le prime immagini erano distorte e sfocate a causa di un difetto di costruzione, eliminato nel 1993 da astronauti che operarono direttamente nello spazio. Hubble lavora nel campo del visibile e dell’ultravioletto e permette di vedere più chiaramente oggetti e fenomeni che dalla terra risultano sfocati e oscurati dalla presenza dell’atmosfera. Solo una porzione delle tante immagini collezionate dalla Nasa grazie ad Hubble riguarda pianeti, stelle, galassie e asteroidi.

Ma come verrà celebrato il 25esimo anniversario di questo colosso spaziale?

La Nasa e l’Esa hanno organizzato convegni scientifici, eventi di divulgazione e concorsi. Ad esempio Hubble Mania: concorso online per votare l’immagine più bella ottenuta con il telescopio spaziale, Ode a Hubble: concorso a cui hanno partecipato astrofili di tutto il mondo inviando video dedicati al telescopio. Le iniziative andranno avanti ancora nei prossimi mesi per sottolinearne non solo l’importanza scientifica ma anche ricordare come Hubble abbia trasformato la nostra idea dello spazio.

Header Image Credits: spacetelescope.org
PakTa, aerospace.closeupengineering

PakTa: il nuovo aereo cargo dell’esercito russo

Il nuovo veicolo che i russi stanno progettando si chiama PakTa e si tratta di un aereo cargo dell’esercito russo. Esso volerà a velocità supersoniche, circa 2000 chilometri all’ora, e trasporterà fino a 200 tonnellate. Sarà quindi capace di raggiungere qualsiasi parte del mondo in sole 7 ore e, a regime, l’intera flotta potrà trasportare fino a 400 carri armati. L’aereo militare sarà dotato di un turbogas e di un motore elettrico che gli consentiranno un’autonomia di 7000 chilometri. Il veicolo supererà di gran lunga sia in velocità che in peso trasportabile il C-5 Galaxy, il più grande aereo cargo dell’esercito statunitense, il quale raggiunge circa 830 chilometri orari con un carico di 120 tonnellate.

Il programma russo PakTa prevede che entro il 2024 si costruiranno 80 nuovi aerei cargo, con i quali l’esercito russo sarà in grado di trasportare armi, mezzi militari e uomini in tempi brevissimi.


Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: