Home » ASI: il 16 dicembre sarà la prima giornata nazionale dello spazio

ASI: il 16 dicembre sarà la prima giornata nazionale dello spazio

Il 16 dicembre 2021, in onore dei 58 anni del primo satellite italiano in orbita, l'ASI ha deciso di proclamare la prima giornata nazionale dello spazio. In questa giornata sarà possibile prendere parte ad iniziative promosse da enti di ricerca.

Categorie Agenzie spaziali

Il Ministero dell’Innovazione ha proclamato un’intera giornata mirata alla sensibilizzazione nel settore aerospaziale. Lo scopo sarà quello di omaggiare lo Stivale per l’importanza che sta conquistando giorno dopo giorno nel settore. Il ministero rivolge un particolare appello agli enti che da anni lavorano per porre l’Italia ad una posizione importante nella classifica mondiale del settore spaziale. I centri di ricerca, le università, i musei e le aziende saranno tenuti ad organizzare attività interessanti durante l’inaugurazione della giornata nazionale dello spazio.

16 Dicembre, una data non casuale

La data celebra l’anniversario del lancio del primo satellite artificiale italiano, il San Marco 1, avvenuto il 15 dicembre 1964. Si trattava di un satellite di prova per certificare il fatto che gli ingegneri italiani avessero acquisito competenze in questo ambito. Essi vennero istruiti dalla NASA all’inizio degli anni sessanta, per poter essere capaci di condurre lanci in autonomia. Nonostante questo, la durata della missione del San Marco fu di 271 giorni, durante i quali condusse alcune ricerche nell’ambito della composizione della ionosfera.

Questa ricorrenza per ricordare all’Italia che fu fra le prime potenze mondiali a superare le barriere dell’atmosfera e a sporgersi verso la conquista dello spazio. La giornata nazionale dello spazio è istituita dal Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, Vittorio Colao, delegato alle politiche spaziali e aerospaziali. L’iniziativa è nata con Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 14 ottobre 2021.

giornata nazionale dello spazio
Satellite italiano San Marco 1. Crediti: ASI

Quale obiettivo si pone la giornata nazionale dello spazio

L’obiettivo della giornata nazionale dello spazio è quello di avvicinare i cittadini italiani al settore spaziale e alle attività annesse, mostrando i passi fatti e quelli ancora da fare. Per questa ragione tutti gli enti nazionali, appartenenti al settore spaziale, sono chiamati ad attivarsi. Organizzare eventi di sensibilizzazione e di comunicazione sul settore aerospaziale sarà il must dell’evento.

Un altro obiettivo fondamentale è quello di istruire i cittadini sui benefici e le ripercussioni della ricerca spaziale sulla vita quotidiana. Lo spazio oggi è diventato un asset strategico anche nell’ambito dell’economia del Paese. Infatti, secondo una previsione recente, la Space Economy potrebbe raggiungere un giro d’affari complessivo di 1000 miliardi di dollari nel 2040. Nel 2019, questo valore si aggirava attorno ai 325 miliardi di euro. Questi valori sono relativi a ricavi globali e ad industrie che non sono specifiche nell’ambito, ma che si avvalgono di industrie spaziali per poter operare. Basti pensare alle industrie della TV satellitare o alle grandi produttrici di navigatori satellitari (GPS).

Brochure della giornata nazionale dello spazio

L’Agenzia Spaziale Italiana inaugurerà la giornata nazionale dello spazio con un evento aperto da Vittorio Colao e Giorgio Saccoccia, presidente dell’ASI. Sono previsti diversi appuntamenti a partire dalle ore 9:00 (ora italiana) durante la quale si svolgerà un quiz promosso dallo CTNA (Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio). Il quiz, battezzato le “Olimpiadi dello spazio”, mira ad offrire suggerimenti ai futuri esperti nell’ambito dell’esplorazione spaziale.  

È il frutto della collaborazione con Leonardo e l’Università La Sapienza di Roma, e vanta il patrocinio di ASI, Inaf, Thales Alenia Space, Telespazio e dei distretti aerospaziali della Campania, del Piemonte e Lazio. L’iniziativa è rivolta agli studenti delle scuole medie e superiori. Il tema è l’esplorazione dei Pianeti. Le prove che gli studenti saranno tenuti a svolgere riguardano due test ed un problema. Il vincitore verrà decretato al termine della giornata stessa, in base alla correttezza della risposta e al tempo impiegato per la risoluzione dei quesiti.

Anche l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) mostra il suo contributo. Sarà un susseguirsi di eventi, mostre dal vivo (tenute a Roma) e convegni online che mirano alla sensibilizzazione del cittadino verso politiche spaziali. Lo scopo è anche quello di fornire un’educazione al rispetto del pianeta ospitante. Questi sono solo alcuni eventi già resi noti. Per gli interessati, l’agenda completa verrà mostrata a breve sul sito ufficiale dell’ASI.

L’industria spaziale italiana, verso l’infinito ed oltre

Ben vengano le celebrazioni ed il ricordo, ma l’augurio è che si inizia a camminare nel passato per saper danzare nel futuro prossimo. Un futuro che porterà l’Italia ad eccellere tra le potenze europee o meglio, mondiali. Un futuro che rende il ruolo dei privati sempre più centrale, già evidente con l’avvento inaugurale di Elon Musk e del Turismo spaziale. La giornata nazionale dello spazio non sarà solo commemorativa, ma d’impatto. Ricordare ai giovani l’importanza della ricerca: la Luna e Marte non sono stati raggiunti per caso.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento