Home » Arianespace porta in orbita i satelliti Ceres con il lanciatore Vega

Arianespace porta in orbita i satelliti Ceres con il lanciatore Vega

Il lancio dallo spazioporto della Guyana Francese ha permesso di mettere in orbita tre satelliti CERES mediante vettore Vega. La missione operata da Arianespace ha dato il via al progetto CERES del Ministero delle forze armate francese. Il progetto prevede l'utilizzo di nuovi satelliti da osservazione terrestre per applicazioni di difesa e sicurezza.

Categorie Agenzie spaziali · Missioni spaziali · Satelliti e Lander

E’ partito nella mattina del 16 novembre (alle 10:27 ora italiana) il lancio del vettore Vega per la messa in orbita di 3 satelliti militari francesi. La missione ha avuto inizio dallo spazioporto della Guiana Francese in Kourou e si propone di rendere operativo il progetto CERES (CapacitÉ de Renseignement Électromagnétique Spatiale). Si tratta di piccoli satelliti (Ceres 1, 2 e 3) da osservazione terrestre per applicazioni di difesa e sicurezza. Il progetto è condotto dall’agenzia spaziale francese (CNES, Centre National d’études Spatiales) insieme al Ministero delle forze armate (DGA, Directorate General of Armaments).

La diretta della missione VV20 di Arianespace con il lancio di Vega per i satelliti Ceres. E’ il dodicesimo lancio di Arianespace nel 2021, di cui il terzo operato dal Vega. Mentre, si tratta del ventesimo lancio operato dal lanciatore leggero di marca Avio.

La missione CERES lanciata da Vega

Si tratta del dodicesimo lancio dell’anno solare condotto da Arianespace e della terza missione operata dal lanciatore Vega, vettore con connotati italiani grazie alla collaborazione di Avio. Il lancio ha permesso di portare in orbita elio-sincrona i tre satelliti Ceres, per un totale di 1548 kilogrammi di carico pagante (446 kg per satellite precisamente). A partire dal lift-off del lanciatore leggero Vega sono stati impiegati circa 57 minuti per completare ascesa e separazione del payload.

Il lanciatore leggero Vega pochi istanti prima del lift-off dallo spazioporto della Guyana Francese. Crediti: ArianeSpace.
Il lanciatore leggero Vega pochi istanti prima del lift-off dallo spazioporto della Guyana Francese. Crediti: Arianespace.

Il programma Ceres vede Airbus Defence and Space insieme a Thales Defence Mission Systems come primi clienti. Il centro spaziale francese CNES garantirà supporto al DGA per la gestione della missione, con particolare riguardo per la stazione di controllo di terra. I satelliti Ceres opereranno in formazione in orbita terrestre bassa. Essi sono equipaggiati con sensori ad elevate performance e permetteranno l’osservazione terrestre con qualsiasi condizione atmosferica. La formazione Ceres permetterà dunque di identificare tutte le fonti elettromagnetiche sulla superficie terrestre, in particolare le postazioni radar nemiche.

Sequenza di volo del lanciatore Vega per la missione VV20 per la messa in orbita dei tre satelliti Ceres. Il profilo descrive brevemente la missione secondo le fasi: decollo, separazione primo stadio del motore P80, separazione dello Zefiro-23 alla quota di 125 km, separazione del fairing subito dopo, separazione del terzo stadio Zefiro-9 a circa 200 km di altitudine, e infine manovre di inserzione in orbita mediante AVUM e separazione dei 3 Ceres. Crediti: ArianeSpace.
Sequenza di volo del lanciatore Vega per la missione VV20 per la messa in orbita dei tre satelliti Ceres. Il profilo descrive brevemente la missione secondo le fasi: decollo, separazione primo stadio del motore P80, separazione dello Zefiro-23 alla quota di 125 km, separazione del fairing subito dopo, separazione del terzo stadio Zefiro-9 a circa 200 km di altitudine, e infine manovre di inserzione in orbita mediante AVUM e separazione dei 3 Ceres. Crediti: Arianespace.

Il programma Ceres rende la Francia l’unica nazione europea aderente al club delle nazioni più avanzate nell’ambito dell’intelligence sulle sorgenti elettromagnetiche. Ceres costituiranno rispettivamente i satelliti numero 47, 48, e 49 lanciati da Arianespace per conto delle istituzioni francesi. Sono i satelliti numero 134, 135 e 136 di Airbus Defence and Space lanciati da Arianespace. Inoltre, Ceres 1, 2, e 3 costituiscono i satelliti da osservazione terrestre numeri 116, 117 e 118, facendo parte dell’11% della flotta di satelliti da Earth Observation messi in orbita dall’azienda Arianespace.

Lancio di transizione per Vega

La missione VV20, e quindi il ventesimo lancio del lanciatore leggero Vega, costituisce un punto di transizione importante per Avio. L’azienda è infatti al lavoro sul nuovo vettore più potente ed economico, ovvero il Vega C. Caratterizzato da un altezza di 35 metri e un diametro di 3,4 metri, la nuova versione del Vega sfrutta un nuovo motore a propellente solido P120C (primo stadio) e un secondo stadio (Z40) più efficiente. Questo ha permesso di incrementare la capacità di massa e volume di carico pagante, potendo così servire al meglio il mercato dei satelliti da osservazione terrestre.

Dopo il lancio dei satelliti Ceres completato con successo, ora si prospetta un periodo di pausa per il lanciatore leggero. Infatti, prenderanno il via i preparativi sulla piattaforma di lancio per la prima missione di Vega C, programmata al momento per la primavera del 2022.

FONTI VERIFICATE

 

Lascia un commento