mercoledì, 30 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Al via la stazione meteo su Marte grazie a InSight

Se siete amanti delle temperature invernali, soprattutto se sotto 0°C, allora sarete super entusiasti di poter vedere, direttamente con i vostri occhi, le temperature e non solo, giorno per giorno, di Elysium Planitia su Marte, vicino l’equatore.

Report meteo. Credits: NASA

Il resoconto sui dati meteorologici di questa particolare zona del Pianeta Rosso, è possibile grazie al lander InSight, che ha attivato tutti i suoi sensori diventando, così, la stazione meteo più precisa sul pianeta. Raccoglierà dati in modo continuo per almeno i prossimi due anni, così da studiare i cambiamenti stagionali e le tempeste di sabbia, permettendo di perfezionare anche le indagini sui terremoti marziani.

Resoconto. Credits: NASA

Il sismometro Seis di Insight, infatti, è estremamente sensibile ad ogni minima vibrazione, anche a quelle causate dai venti sulla superficie marziana e ai cambiamenti di pressione atmosferica. Conoscere i dati meteo permetterà di rilevare queste fonti di “rumore”, che potrebbero influenzare le letture dello strumento.

Leggerli da l’impressione di visitare un posto alieno

Le condizioni atmosferiche su Marte, si sa, sono molto rigide, ed è affascinante poterle osservare con i propri occhi. Il 20 febbraio 2019, per esempio, ci sono state temperature oscillanti tra i -13°C e i -95°C, con una media di -64°C, con venti fino a 10.8 m/s provenienti in gran parte da Sud Ovest.

Leggerli ti da l’impressione di visitare un posto alieno“, ha detto Don Banfield della Cornell University, che coordina le indagini meteorologiche di InSight. “Marte presenta fenomeni atmosferici familiari che tuttavia sono piuttosto diversi da quelli sulla Terra.“.

Tra i fenomeni più interessanti da studiare, ci sono i cosiddetti “diavoli di sabbia”, trombe d’aria a bassa pressione che lasciano dietro di loro strisce visibili sulla superficie del pianeta, e il sensore per la pressione di InSight è talmente sensibile da permetterne lo studio da dozzine di metri di distanza.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gabriele La Grecahttps://aerospacecue.it
Attualmente studia Ingegneria Informatica al Politecnico di Torino. Appassionato di tutto ciò che riguarda l'informatica, con un occhio di riguardo sulla programmazione di basso livello e sui sistemi Embedded.