Home » Airbus A330neo: un widebody ergonomico con tecnologie all’avanguardia

Airbus A330neo: un widebody ergonomico con tecnologie all’avanguardia

I Widebody Airbus diventano sempre più famiglia: l'ultimo l'A330neo eredita le tecnologie dei precedenti e le consolida. La nuova strategia di progetto di Airbus sembra essere efficace per contenere i costi.

Categorie Aviazione · Civile · Normative

L’ultimo widebody, o aereo a fusoliera larga, rappresenta oggi il punto di arrivo di anni di ricerca dell’azienda europea. L’Airbus A330neo eredita tutte le innovazioni già introdotte con il fratellastro A350, ma inaugurate già venti anni fa con il Super-Jumbo A380. Vediamo di entrare a bordo di questo aereo, soffermandoci sulle nuove tecnologie sviluppate nel corso degli ultimi anni.

La moderna linea widebody di Airbus

Lo sviluppo dell’A330neo ha trovato il sentiero già tracciato dall’A350: due velivoli molto simili che condividono innovazioni e prestazioni. Il vantaggio del duo europeo sta proprio nell’aver riversato le conoscenze acquisite con uno nell’altro! Si tratta di due velivoli concepiti per tratte medio-lunghe con un range teorico che tocca le 9700 nm (quasi 18.000 km!).

 Nuovi interni Airspace Credits: Airbus
Nuovi interni Airspace Credits: Airbus

Il numero di passeggeri trasportabili è pressochè simile: in entrambi le opzioni variano da circa 200 posti, fino a superare le 400 unità. Per quanto riguarda i consumi: entrambi i modelli permettono un risparmio del 25% rispetto alla generazione precedente. Quindi, un impatto più green che si traduce in una forte riduzione della CO2 emessa; ciò grazie ai moderni propulsori turbofan Trent ad alto rapporto di bypass (10:1).

Come afferma il famoso detto: anche l’occhio vuole la sua parte. Bene, Airbus ha pensato anche al comfort dei passeggeri. Grazie alle nuove cabine Airspace, l’azienda introduce un nuovo concetto di design degli ambienti: illuminazione LED multicolore, connettività satellitare, IFE (In-Flight Entertainment) e, soprattutto, maggiori spazi per persone e oggetti.

Credits: Airbus

Airbus A330neo e Airbus A350: una connubio inseparabile

Le compagnie aeree sanno bene quanto sia dispendioso l’addestramento degli equipaggi per ogni singolo modello di velivolo. Le normative richiedono giustamente di essere abilitati al pilotaggio dello specifico modello: Airbus ha risposto sviluppando l’A330neo appositamente per ridurre tempi e costi dedicati all’addestramento.

Cockpit A330neo a sinistra e A350 a destra Credits: Airbus
Cockpit A330neo a sinistra e A350 a destra Credits: Airbus

Essendo l’A330neo e l’A350 molto simili, bastano solamente 8 giorni di addestramento per essere abilitati a pilotare l’uno o l’altro (avendo già una delle abilitazioni). Certamente un risparmio per le compagnie aeree, ma anche una potenziale fonte di guadagno per Airbus. Un operatore in possesso di uno dei due modelli sarà molto predisposto ad acquisire l’altro: infatti più dell’85% dei clienti dell’A350 utilizzano nelle loro flotte anche un A330neo.

Le differenze tra i due modelli riguardano principalmente alcuni sistemi installati, limitazioni sulla pressurizzazione e pesi operativi: tutti elementi che non richiedono l’utilizzo di un FFS (Full Flight Simulator) per i pochi giorni di addestramento. Una strategia vincente da parte di Airbus che potrebbe ripresentarsi in futuro per altri velivoli.

Credits: Samchui.com
A330neo e A350 Credits: Samchui.com

Nuove tecnologie per un trasporto aereo sempre più sicuro

L’Airbus A330neo eredita tutta una serie di nuove tecnologie già implementate a bordo dell’A350: troviamo la stessa filosofia fly by wire che permette il controllo delle superfici di volo, garantendo la protezione dell’inviluppo di volo. Ritroviamo anche il “dark cockpit” che garantisce una gestione di luci e spie in base alle aree dove è opportuno intervenire, alleviando il workload dei piloti.

Vediamo lo stato dell’arte a bordo dell’A330neo:

Sistema ROPs Credits: Airbus
Sistema ROPs Credits: Airbus
  • Attenzione nell’atterraggio con il nuovo sistema ROPs (Runway Overrun Prevention System): fornisce input ai piloti nel caso i parametri non rientrino nei valori ottimali per l’atterrraggio. In questo modo i piloti possono ancora abortire l’operazione per ritentare nuovamente.
  • Comunicazione all’avanguardia grazie a DRAIMS (Digital Radio and Audio Integrating Management System): Airbus ha introdotto questa nuova tipologia di gestione della radio. Permettendo così il controllo su tutte le comunicazioni dal cockpit alla cabina, fino a terra.
  • Separazione aerea tra velivoli con la nascita del ATSAW: fino ad oggi l’uso del TCAS ha garantito il non verificarsi di collisioni in volo. Airbus ha sviluppato un’evoluzione grazie all’ATSAW (Airborne Traffic Situational Awareness), un nuovo sistema che aggiunge informazioni attraverso simboli sul Navigation Display: viene mostrata la direzione seguita dai velivoli intorno con il loro numero identificativo.
  • Navigazione avanzata grazie alla tecnologia FANS-C: permetterà una rivoluzione della gestione del traffico aereo. Grazie all’implementazione di traiettorie 4D (3 dimensioni + tempo) le rotte potranno essere ottimizzate anche attaverso dati satellitari.
Sistema ATSAW Credits: Airbus
Sistema ATSAW Credits: Airbus

Airbus A330neo: esempio da seguire per la nuova era dell’aviazione?

Le innovazioni rigurdano non solo le fasi di volo: i piloti hanno a disposizione le ‘Electronic Flight Bags’ (EFBs), ossia tablet con la funzione di visualizzare i dati di volo. Grazie ad un piccolo router chimato FOMAX (Flight Operations and Maintenance Exchanger), il tablet comunica con l’avionica e i servizi a terra creando un unico ambiente interconnesso.

‘Electronic Flight Bags’ (EFBs) Credits: Airbus
‘Electronic Flight Bags’ (EFBs) Credits: Airbus

Per permettere un volo è necessario che vari gruppi di persone interagiscono tra loro e con gli aeromobili: questa tecnologia permette, non solo una maggiore velocità nello scambio delle informazioni, ma ne verifica anche la correttezza. I vantaggi si rifletteranno su una gestione più mirata della manutenzione e una valutazione più consapevole degli standard di sicurezza: Airbus sembra orientata verso un’aviazione sempre più sicura.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento