Home » 40 satelliti Starlink sono stati persi a causa di una tempesta geomagnetica

40 satelliti Starlink sono stati persi a causa di una tempesta geomagnetica

Martedì (8 febbraio) la SpaceX ha confermato l'avvenuto: fino a 40 satelliti Starlink, lanciati all'inizio di questo mese per costruire la rete Internet Starlink ad alta velocità, sono andati persi dopo una recente tempesta geomagnetica nello spazio.

Categorie SpaceMix

La tempesta, innescata dalle eruzioni del sole, secondo SpaceX, ha distrutto la maggior parte dei 49 satelliti Starlink lanciati in orbita giovedì (3 febbraio).
SpaceX è la società aerospaziale privata fondata da Elon Musk, che prevede che i 40 satelliti, ormai spacciati, ricadranno sulla Terra nei prossimi giorni e bruceranno nell’atmosfera.

Satelliti Starlink che si bruciano nell’atmosfera terrestre

I 40 satelliti su 49

“I satelliti in deorbitazione non comportano alcun rischio di collisione con altri satelliti. Inoltre, grazie alla progettazione, svaniscono al rientro nell’atmosfera, il che significa che non vengono creati detriti orbitali e nessuna parte del satellite colpirà il suolo”, afferma SpaceX in una nota.

I satelliti sono stati portati in orbita a bordo di uno dei razzi Falcon 9 di SpaceX dal Kennedy Space Center della Florida. Il giorno dopo, venerdì, una tempesta geomagnetica ha causato il riscaldamento dell’atmosfera. Ciò, secondo SpaceX, ha aumentato la resistenza atmosferica “fino al 50% in più rispetto ai lanci precedenti”.
La resistenza atmosferica esercita attrito contro il movimento dei satelliti, simile a quando una persona cerca di imbattersi in un forte vento contrario.

SpaceX ha affermato che le posizioni della navicella spaziale sono state regolate per cercare di proteggerle dalla tempesta e ridurre al minimo la resistenza. Dopo le dovute valutazioni, SpaceX ha rivelato che la società non sarà in grado di portare molti dei satelliti nelle loro orbite operative più elevate.
Di conseguenza, “fino a 40 satelliti rientreranno o sono già rientrati nell’atmosfera terrestre”, ha affermato la società nella dichiarazione.

40 satelliti
Lancio SpaceX

I satelliti Starlink

Musk ha affermato che l’obiettivo di Starlink è fornire un servizio Internet ad alta velocità ai consumatori in qualsiasi parte del pianeta. Più di 2.000 satelliti Starlink sono già stati lanciati nell’orbita terrestre bassa e, se i piani della compagnia saranno approvati dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni, la flotta potrebbe crescere fino a includere 30.000 satelliti aggiuntivi.

Gli astronomi hanno affermato che queste enormi costellazioni di satelliti Internet potrebbero interferire con la loro capacità di studiare il cielo notturno. Altri hanno affermato che l’aggiunta di decine di migliaia di nuovi satelliti allo spazio già angusto intorno alla Terra potrebbe aumentare i rischi di collisione e rendere più difficile il funzionamento in orbita terrestre bassa.

Starlink afferma di impegnarsi a mantenere un ambiente spaziale sostenibile, aggiungendo che questo recente incidente “dimostra quanto il team di Starlink ha fatto per garantire che il sistema sia all’avanguardia nella mitigazione dei detriti in orbita”.

Geomagnetic storm
Tempesta geomagnetica che genera un’aurora

Le tempeste geomagnetiche

Le tempeste geomagnetiche in genere derivano dall’attività solare. Alcune attività solari vengono chiamate “brillamenti”. Questi eruttano dalla superficie del sole e inviano onde di plasma e particelle cariche attraverso lo spazio. Tutto questo movimento di particelle può disturbare i satelliti, interferire con le reti elettriche e altre infrastrutture elettroniche.

La tempesta in sé non è affatto un grande evento particolare, è avvenuta solo nel momento sbagliato,

Bill Murtagh, Space Weather Prediction Center della NOAA

Il meteo spaziale colpisce i satelliti in modi diversi“, ha detto Murtagh. “Possiamo avere delle particelle energetiche che penetrano nel satellite e lo possono danneggiare momentaneamente. Oppure, eventi più problematici e preoccupanti, le particelle possono creare un ambiente di carica o può verificarsi una scarica statica”.

Questi rischi potrebbero aumentare nei prossimi anni man mano che ci avviciniamo al prossimo massimo solare: il periodo di massima attività solare durante un ciclo solare.
“Negli ultimi due o tre anni c’è stata bene o male tranquillità. Nell’ultimo anno stiamo iniziando verso il prossimo massimo solare che è previsto nel 2025“.

Starlink
Costellazione Starlink

I 40 satelliti Starlink e le tempeste geomagnetiche

Murtagh ha notato che nessuno dei satelliti Starlink di SpaceX che erano già in orbita (ce ne sono più di 1.800) è stato colpito dalla tempesta geomagnetica di venerdì.
I satelliti Starlink di SpaceX in genere orbitano attorno alla Terra ad un’altitudine di circa 550 chilometri. I 40 satelliti colpiti dalla tempesta geomagnetica di venerdì erano molto più bassi, volando fino a 210 chilometri in un’orbita di dispiegamento iniziale. Questi sono stati investiti dalla tempesta prima che avessero la possibilità di raggiungere la loro altitudine finale, ha detto SpaceX.

La National Oceanic and Atmospheric Administration misura le tempeste geomagnetiche su una scala di gravità crescente da G1 a G5. La tempesta che ha distrutto i satelliti Starlink la scorsa settimana avrebbe dovuto essere un G1, che è sia minore che “abbastanza comune”, infatti avviene fino a 1.700 volte nel ciclo solare di 11 anni.
Il G5 invece è una tempesta estrema: è molto più rara, e troviamo circa quattro per ciclo. Una tempesta G5 è una minaccia per cose come le reti elettriche o le operazioni dei veicoli spaziali, ma non per le persone.
Non ci sono rischi per gli esseri umani a terra con queste tempeste: abbiamo solo enormi disturbi riguardo la densità atmosferica.

L’effetto collaterale del salto di densità atmosferica si tramuta in un aumento della resistenza sui satelliti in orbita terrestre bassa. Questo può ridurre l’orbita di un veicolo spaziale o, nel caso dei satelliti Starlink, farli rientrare e bruciare.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento