Home » 24 teologi per valutare la vita extraterrestre: NON li ha assunti la NASA

24 teologi per valutare la vita extraterrestre: NON li ha assunti la NASA

Le voci di corridoio dicono che la NASA abbia assunto 24 teologi per valutare la vita extraterrestre, cosa c'è di vero?

Categorie SpaceMix

I social media hanno affermato che l’agenzia spaziale sta utilizzando esperti religiosi (24 teologi) per prevedere le reazioni dell’umanità agli alieni.

La ricerca della vita oltre la Terra è già piena di cospirazioni. Metti un po’ di religione nel mix ed è abbastanza per attirare le persone nel calderone. Diversi siti web di notizie brulicano di voci sul fatto che la NASA avesse recentemente assunto un team di teologi per aiutare a prevedere la reazione dell’umanità alla ricerca di vita aliena. Tuttavia, questa è a malapena metà della verità.

24 teologi

Voci di corridoio

La NASA ha arruolato 24 teologi per prendere parte al suo programma del Center for Theological Inquiry (CTI) dell’Università di Princeton.
Il gruppo ha valutato come reagiranno gli esseri umani se la vita aliena viene trovata su altri pianeti e come la scoperta avrà un impatto sulle nostre idee sugli dei e sulla creazione.

Il dottor Andrew Davison, sacerdote e teologo dell’Università di Cambridge, con un dottorato in biochimica a Oxford, è uno dei teologi che crede che ci stiamo avvicinando alla ricerca della vita su altri pianeti.

Nasa SpaceApps Challenge: hackathon "spaziale" a Trieste

Questo dei 24 teologi è un programma “vecchio”

Un’agenzia ha assunto 24 teologi per prendere parte al suo programma presso il Center for Theological Inquiry (CTI) dell’Università di Princeton nel New Jersey, a cui la NASA ha concesso una sovvenzione di 1,1 milioni di dollari nel 2015.
La CTI è descritta come un’organizzazione che, convocando teologi, scienziati, studiosi e responsabili politici, pensa ed informa il pensiero pubblico sulle preoccupazioni globali.

Il programma, iniziato nel 2016, mirava a rispondere a domande come:

  • Che cos’è la vita?
  • Cosa significa essere vivi?
  • Dove tracciamo il confine tra l’umano e l’alieno?
  • Quali sono le possibilità di vita senziente in altri luoghi?

Questo programma, intitolato Societal Implications of Astrobiology, iniziato nel 2015 è proseguito fino al 2018.
Il reverendo Andrew Davison è stato tra i 24 teologi che hanno partecipato a questo programma dal 2016 al 2017.

24 teologi

Le dichiarazioni che hanno creato confusione

Fa parte dell’obiettivo in corso della NASA di supportare il lavoro sulle “implicazioni sociali dell’astrobiologia”.

Andrew Davidson

Davison pubblicherà un libro il prossimo anno, intitolato Astrobiology and Christian Doctrine, in cui afferma che crede che ci stiamo avvicinando alla ricerca della vita su altri pianeti.

Davison però non è l’unico “credente” a non pensare che l’idea degli extraterrestri sia impossibile: Duilia de Mello, astronomo e professore di fisica all’Università Cattolica, ha detto di avere diversi seminaristi nelle sue classi che spesso sollevano questioni teoriche sulla vita intelligente nell’universo.

Se siamo i prodotti della creazione, perché non potremmo avere la vita in evoluzione anche su altri pianeti? Non c’è niente che dice il contrario.

Duilia de Mello (al Washington Post)
Nella serra della ISS la NASA coltiva peperoncino: perchè questa scelta? -  Computermagazine.it

Cosa è successo davvero?

Sebbene l’agenzia spaziale abbia fornito una sovvenzione al Center of Theological Inquiry per valutare le implicazioni della caccia alla vita aliena, quella ricerca è terminata quattro anni fa e il team non ha mai fatto parte dello staff della NASA.
Invece, gli sforzi per trovare gli alieni sono ancora in corso mentre gli scienziati perlustrano il cosmo alla ricerca di esopianeti abitabili e aspettano i dati trasmessi dai rover su Marte.

Nel 2015, la NASA ha fornito 1,1 milioni di dollari di finanziamento al Center of Theological Inquiry, destinato a un programma per studiare l’impatto sociale della ricerca della vita oltre la Terra. L’organizzazione ha inviato un comunicato stampa in quel momento, definendolo un finanziamento per “convocare un’indagine interdisciplinare sulle implicazioni sociali della ricerca della vita nell’universo”.

24 teologi

Il programma dei 24 teologi è ormai chiuso

Non tutti i 24 partecipanti facevano però parte del clero. Il Centro ha attinto dalla teologia, dalle scienze umane e dalle scienze sociali nel loro lavoro per studiare le “implicazioni sociali” delle “origini, evoluzione, distribuzione e futuro della vita nell’universo”. Il finanziamento è durato due anni. Sebbene non ci siano rapporti sul sito Web dell’organizzazione, Davison ha scritto un post sul blog nel 2019: “Chissà quando, o se, quella notizia importante verrà pubblicata. Se lo fa, tuttavia, possiamo essere certi che non ha bisogno di prendere in ritardo la tradizione intellettuale cristiana”.

E sebbene la NASA abbia certamente dato soldi per il programma, non è arrivata al punto di assumere nessuno da esso. Un portavoce della NASA ha detto all’Associated Press che i ricercatori coinvolti nel programma non sono mai stati impiegati direttamente dall’agenzia spaziale.

Le persone che ricevono finanziamenti dalla NASA non sono dipendenti, consulenti o portavoce dell’agenzia”, ​​ha detto il portavoce all’AP in una e-mail. “Quindi, i ricercatori e gli studiosi coinvolti in questo studio non sono stati assunti dalla NASA, ma hanno invece ricevuto finanziamenti tramite CTI per condurre questo lavoro”.

James Webb Space Telescope
James Webb Space Telescope. Credit: NASA

Cosa sta facendo davvero la NASA?

Sebbene non ci siano prove definitive dell’esistenza della vita oltre la Terra, alcuni ricercatori ritengono che la probabilità che la vita emerga altrove nel vasto universo sia piuttosto alta.
Gli scienziati, a loro volta, hanno sviluppato modi molto reali per cercare gli extraterrestri, ma forse non il tipo di alieni che ci si aspetterebbe generalmente. Ad esempio, la ricerca di Extraterrestrestrial Intelligence cerca segnali radio o fari ottici provenienti da civiltà aliene. Diverse agenzie sperano anche di trovare prove della vita passata o presente su Marte e sulle lune del Sistema Solare come Europa, Titano o Encelado.

Più in là invece, gli scienziati di solito cercano biosignature negli esopianeti, un complesso cellulare o un composto chimico che è indicativo di un processo biologico in corso. Con il recente lancio del James Webb Space Telescope (JWST), gli scienziati sperano di saperne di più su questi mondi stranieri.

JWST sarà in grado di studiare l’atmosfera degli esopianeti in grande dettaglio osservando gli esopianeti mentre orbitano davanti alla loro stella natale e disegnando le loro proprietà atmosferiche durante il transito. Questo potrebbe aiutarci a trovare luoghi con atmosfere sorprendentemente simili alla Terra, offrendo ai cacciatori di alieni luoghi ideali in cui cercare.

Forse se trova qualcosa, solo allora vorremo davvero parlare con una figura religiosa.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento